Parte il toto-assessori

Chiuse le elezioni e assodato il dato elettorale, parte anche nel nostro Comune il toto-Assessori. Come a livello nazionale si cerca di prevedere chi andrà ad occupare i vari dicasteri, così a livello locale si ipotizzano i nomi dei nuovi Assessori e quali deleghe avranno. A far intuire quali potrebbero essere le scelte del neo Sindaco Gualtiero Mazzi è stato proprio il Coordinatore FI-PdL di Sona Edgardo Pesce (nella foto) con una nota sul forum di questo sito. Il Coordinatore parla infatti di un Vicesindaco e quattro Assessori in quota Forza Italia-PdL.

 

Partiamo intanto dal presupposto che Pesce, scrivendo di quattro assessori e un vicesindaco di Forza Italia, intendesse in realtà comprendere nei quattro Assessori anche il Vicesindaco, altrimenti si configurerebbe una Giunta composta da cinque Assessori di Forza Italia su sei. Più di sei infatti allo stato attuale gli Assessori non possono essere, e solo la bozza del nuovo Statuto che giace in Comune da un paio di anni – quando e se approvata – porterebbe il numero di Assessori a sette.

 

Quindi, dando per prosupposto quanto sopra, Vicesindaco sarà sicuramente Gaspare Nicolò Di Stefano, che nella passata amministrazione aveva ricoperto per un certo periodo la delega alla Scuola. Che il ruolo di Vicesindaco spetti a lui era già stato dichiarato in campagna elettorale, tanto che si parlava – oltre che di Candidato Sindaco – anche di Candidato Vicesindaco. Su chi saranno invece gli altri tre Assessori in quota Forza Italia la discussione è aperta. Appare certo che – alla luce delle preferenze ottenute – due dovrebbero essere Vittorio Caliari, che con le sue 267 preferenze è il secondo più votato in assoluto a Sona dopo proprio Di Stefano, e Meri Pinotti, già Assessore uscente. Sul terzo invece i dubbi sono maggiori. Forse potrebbe essere proprio il Coordinatore Pesce, come Assessore esterno.



Resta poi da vedere chi saranno invece i due Assessori in quota Lega Nord. La Lega già esprime il Sindaco – Gualtiero Mazzi – e uno dei due Assessori potrebbero essere Antonio Troiani, anche lui Assessore uscente che ben aveva operato nella scorsa legislatura. A meno che non decida volontariamente di restarsene fuori. Mentre sul secondo nominativo ad oggi non ci sono indiscrezioni.

 

Tra gli outsider potrebbe candidarsi ad un ruolo di Assessore Vantini Ernesto di Palazzolo – visto l’ottimo risultato elettorale – che però non risulta iscritto nè alla Lega Nord nè a Forza Italia. Come un altro che potrebbe reclamare un posto – anche per dare rappresentanza alla frazione di San Giorgio – potrebbe essere Virginio Moletta. Altro nome che si fa in maniera insistente è quello di Mario Boninsegna, che viene da qualcuno accreditato come Assessore al Commercio. Ma che come Vantini non può vantare appartenenze politiche.

 

Sulla questione invece di quali deleghe ricopriranno i vari Assessori, è veramente troppo presto per saperlo, e bisognerà attendere ancora qualche giorno.

 

Per quel che riguarda l’opposizione, a sedere in Consiglio saranno sei elementi per la Lista Civica L’Incontro – il candidato Sindaco Gianluigi Mazzi, Renato Farina, Giovanni Forlin, Mirko Ambrosi, Marco Aldrighetti e Gianmichele Bianco – e un elemento per la Lista Civica Crescere Insieme Camminare Insieme, il candidato sindaco Giannantonio Mazzi.

 

Articolo precedenteLa Battaglia di Sona del 23 luglio 1848
Articolo successivoPiedibus: che successo!
Mario Salvetti
Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è tra i fondatori del Baco, di cui è Direttore Responsabile. E' giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Veneto. Nel tempo libero suona (male) la batteria.