“Parla più forte”: lo spettacolo itinerante di Diversamente in Danza a Forte Gisella. Un invito a vivere un’esperienza

Il concetto di esperienza si manifesta solamente attraverso diverse sfere della realtà, racchiude una conoscenza maturata attraverso i sensi e la coscienza. “Parla più forte”, l’ultimo spettacolo dell’impresa sociale Diversamente in Danza, fa proprio il concetto di esperienza, valorizzandolo a tutto tondo. Non si tratta di un’esibizione che lo spettatore può ammirare passivamente, ma di uno spettacolo itinerante che sperimenta innovative forme di espressione artistica (dalla danza alla recitazione), di gestione degli spazi e dei movimenti.

Le coreografie di Diversamente in Danza sono costruite soprattutto sulla cosiddetta contact improvisation, uno stile di danza in cui il contatto fisico tra almeno due danzatori diviene la chiave di lettura e il punto di partenza per un dialogo improvvisato di gestualità e corpi in cui la bellezza risiede nei limiti e nella diversità.

A causa dei noti motivi legati all’emergenza sanitaria del Coronavirus questo linguaggio coreutico è stato rivisitato e adattato al contesto e all’ambiente. Eppure, negli spazi suggestivi di Forte Gisella a Verona in cui si svolge lo spettacolo itinerante, proprio la distanza diviene la chiave di lettura dell’esperienza che sono chiamati a vivere gli spettatori. Una distanza declinata su varie dimensioni, dallo spazio fisico alla componente sociale e valoriale, dal fattore temporale all’importantissimo ruolo della danza, della musica, della recitazione e del silenzio. Una distanza, pertanto, che è metafora di una straordinaria e bellissima esperienza, di un percorso introspettivo che non lascia indifferente lo spettatore.

Liberamente ispirata al racconto di Adelaide Mancuso “Un metro o poco più”, l’ultima fatica di Diversamente in danza, patrocinata dal Comune di Verona, è stata realizzata con la collaborazione di AICS Verona. Le repliche dell’evento si terranno venerdì 17, 24 e 31 luglio con ingressi in piccoli gruppi ogni 10 minuti, dalle ore 18.30 e 19.30. La durata dell’esperienza è di circa 40 minuti.

Per partecipare è necessario prenotarsi scrivendo al seguente indirizzo mail info@diversamenteindanza.it o telefonicamente ai numeri 333 432 5501, 348 0034288.

Nata come associazione a Lugagnano nel 2003 da un’idea di Giorgia Panetto, Diversamente in Danza si propone di superare i limiti delle regole e della tecnica avvicinando persone diversamente abili al linguaggio della danza, e allo stesso tempo sensibilizzando al tema della disabilità chi partecipa ed è attivo nel mondo artistico. Il gruppo coreutico non smette di stupire ed incantare il suo pubblico, non solo ottenendo riconoscimenti di alto livello, ma facendo breccia attraverso le emozioni anche nel nostro intimo, durante la nostra routine quotidiana.

Gianmaria Busatta

About Gianmaria Busatta

Nato nel 1994 e residente a Lugagnano, ha conseguito la maturità presso il liceo classico Don Mazza (VR), è laureato in Economia e commercio ed in Banca e Finanza presso l'Università degli studi di Verona, lavora presso la società di revisione Deloitte & Touche. Grande interesse per eventi culturali e politici, ha come passione più forte il cinema. Ha frequentato il corso Tandem "Cinema e letteratura" presso l'Università di Verona e diversi seminari sulla cinematografia presso la Biblioteca Civica di Verona.

Related posts