Orange 14: una compagnia, una squadra ed un sogno (che parte da Lugagnano)

Con questo articolo vogliamo presentare un gruppo di ragazzi di Lugagnano che insieme hanno deciso di dare vita ad una squadra di calcio a 5, inserendosi nel campionato amatoriale di Verona del CSI (Comitato Sportivo Italiano).

stemma Orange 14 squadra calcetto lugagnano 2015Come e quando è nata l’idea di creare questa associazione di calcetto?

L’idea è maturata un giorno di metà settembre 2014, quando alcuni di noi (Jacopo Disarò, Nicolò Ferrari e Giulio Signorato) hanno pensato che una squadra di calcio a 5 sarebbe stata un’ottima soluzione di svago e divertimento tra amici. Così, per prima cosa, siamo andati ad informarci al CSI (Comitato Sportivo Italiano) della sezione veronese, e, una volta deciso e avuto l’appoggio da parte di tutti i partecipanti, abbiamo formato la squadra. Il secondo passo è stato quello di chiedere il contributo finanziario ad alcuni sponsor del paese (Centro estetico Eden, Primacasa, Bellon’s Jazz Pub, Pizzeria Sorriso, Panificio Pane Arte, Ristorante Re Gallo, Centro di Salute e Bellezza Riccio Capriccio) che ringraziamo vivamente. A quel punto ci siamo iscritti ufficialmente al campionato e abbiamo iniziato a giocare in serie B a partire da metà ottobre.

Da chi è formata la squadra?

Siamo una compagnia di amici che esiste da quando eravamo all’asilo, siamo un gruppo di ragazzi, quasi tutti della classe 1994 (Nicola Belloni, Marco Castioni, Jacopo Disarò, Nicolò Ferrari, Luca Pietropoli, Luca Romani, Giulio Signorato, Alessandro Zanovello e Alin Zapali), con l’eccezione di Pietro Masotto e Giovanni Signorato, dell’annata 1993 e di Giovanni Pietropoli, classe 1990. Tutti abbiamo sempre giocato a livello dilettantistico, ma poi, per esigenze universitarie e lavorative o per problemi fisici, per nessuno è stato possibile continuare la carriera calcistica.

Orange squadra calcetto lugagnano 2015 (9)

.

A livello organizzativo, come vi siete divisi i ruoli?

Ognuno di noi svolge un compito fondamentale all’interno della squadra. Il presidente è Jacopo Disarò, in quanto persona più matura ed adatta per farlo. In collaborazione con lui, Luca Romani, a cui spetta la vicepresidenza. Nicolò Ferrari, date le sue abilità di dialogo, si occupa del mercato, coprendo il ruolo di amministratore. Non manca il segretario, Giulio Signorato, che grazie alla corretta istruzione ricevuta alla scuola superiore, cura la contabilità. Luca Pietropoli è il nostro capitano, in quanto in grado di trasmettere al meglio un affiatato spirito di squadra. Mentre gli allenatori sono Giovanni Pietropoli (primo allenatore) e Alin Zapali (secondo allenatore), che contribuiscono a mantenere serietà e stabilità nel gruppo e che organizzano allenamenti e partite.

A proposito di allenamenti e partite, dove e quando li svolgete?

Ci alleniamo nella palestra della scuola media “Anna Frank”, rinominata dopo la formazione della squadra in “Anna Frank Stadium”. Le partite solitamente le giochiamo in casa il venerdì sera alle ore 21.30, ma a volte può capitare di doverci spostare in altre palestre. Comunque per quanto riguarda orari e luoghi di incontro, abbiamo creato un’apposita pagina su Facebook, che vi invitiamo a visitare e a seguire.

Perché vi siete dati un nome così originale: “Orange 14”?

La scorsa estate abbiamo partecipato ad un torneo di calcio a Verona attribuendo alla squadra il nome Orange 14 e, dal momento che lo abbiamo vinto, abbiamo pensato di dare lo stesso nome alla nostra nuova associazione. Orange 14 ha un’origine piuttosto curiosa e divertente. L’Orange era il nostro parchetto di ritrovo ai tempi delle scuole medie, l’avevamo nominato così perché localizzato nella via dove abita Giulio, il componente della squadra coi capelli arancioni. E 14 perché il 2014 è l’anno di fondazione della squadra.

Quali sono le vostre aspettative e i vostri progetti?

Quello che ci aspettiamo è di legare ancora di più tra noi, di rimanere una compagnia unita ed affiatata, anche grazie all’aiuto delle nostre famiglie e dei nostri amici che ci sostengono facendo il tifo alle partite. Il nostro obettivo per quest’anno era chiaramente quello di vincere il campionato, che abbiamo raggiunto in modo soddisfacente. La vittoria è un altro motivo che ci spinge a continuare questa esperienza con il massimo impegno e dedizione. Parlando in termini leggermente più larghi, il nostro progetto è quello di raggiungere la prima categoria, la Premier, salire quindi di tre categorie.

.

Giulia Grigolini
Sono nata nel 1995 e risiedo a Lugagnano, vivo con i miei genitori e mia sorella. Ho conseguito il diploma in perito turistico presso l'istituto tecnico "Marco Polo" nel 2014 e mi sono laureata in lingue moderne per l'intermediazione turistica e d'impresa all'Università di Trento nel 2018. Attualmente lavoro come addetta alla reception in un'azienda tessile in provincia di Verona. Nel tempo libero mi piace interessarmi di eventi culturali, e, particolarmente, di arte.