Odori dalla discarica Siberie: “Sindaco di Sommacampagna, provi a vivere nelle nostre abitazioni!”

Foto aerea della discarica Siberie.

Seguendo le indicazioni date dal Comune di Sona qualche giorno fa, con le quali si invitavano i cittadini a segnalare situazioni di cattivi odori provenienti dalla discarica Siberie, che si trova a Caselle sul confine con Lugagnano (LEGGI IL SERVIZIO), un cittadino scrive al Sindaco di Sona, all’ufficio ecologia (e al Baco) per sottolineare una situazione non più sostenibile.

Nella sua lettera Thomas, rimarcando come anche il nuovo anno sia iniziato all’insegna di una puzza non più tollerabile, chiede soprattutto interventi immediati a tutela della salute dei cittadini.

Buongiorno,

“ma che bello festeggiare il nuovo anno con il forte odore di immondizia fuori dalla porta di casa!!”

Questa è una situazione insostenibile, ormai è qualche mese che continuiamo, noi residenti di via Carlo Cattaneo a Lugagnano, a sentire forti odori provenienti dalla vicina discarica di Caselle Loc. Siberie. Non ne possiamo più!! La domanda è: “è possibile nel 2017 vivere in queste condizioni? Senza poter aprire la porta di casa? Dove stanno i diritti dei cittadini?”, poi ci chiediamo come mai nel paese di Lugagnano si riscontrano un’alta incidenza di tumori talvolta incurabili, dobbiamo aspettare che la gente muoia per intervenire?

La verità è che siamo circondati da discariche (Ca di Capri + Loc. Siberie)… e questo di certo non porta un aria salutare in paese…..

Il comune di Sona davanti a tutto ciò sta facendo qualcosa? Ho letto in qualche articolo della nota testata giornalistica locale “Il Baco da Seta”, che il nostro Sindaco ha le mani legate, e più di segnalare il disagio riscontrato dai propri cittadini non può fare… ma stiamo scherzando? Il paese di Lugagnano è quello più vicino alla discarica e non abbiamo voce in capitolo? Cosa dobbiamo subire l’inquinamento ambientale creato da altri?

Penso invece che si possa fare qualcosa basta volerlo!! Forse perché non abitando nelle zone limitrofe della discarica il problema non vi tocca… ma essendo nostri diretti rappresentanti avete l’onere ed il dovere di alzare la voce contro i colleghi di Sommacampagna!! Ricordo che le casse comunali di Sommacampagna si stanno arricchendo a nostro discapito… e noi stiamo a guardare??

In un altro articolo si parla di un impianto di trattamento dei rifiuti per abbattere gli odori della serie “così facciamo stare zitti i cittadini che non sentono più odori”, si certo, ma vivono comunque nell’inquinamento più totale”, tornado agli effetti collaterali di cui sopra!!

Siamo ben lieti di invitare una qualsiasi settimana il Sindaco di Sommacampagna Graziella Manzati nelle nostre abitazioni, così possa capire il significato di vivere nel bel mezzo di odori più o meno intesi di rifiuti, grazie alle loro scelte infelici!

Sicuri di un vostro intervento più incisivo auguro un felice anno nuovo.

Thomas

A stretto giro di posta ha risposto alla mail del nostro concittadino (e al Baco) il Sindaco di Sona Gianluigi Mazzi.

Un Buon Anno anche a lei e spero che ci sia stato il giusto festeggiamento.

Trovo nella mail molte inesattezze e soprattutto affermazioni di cui lei avrà sicuramente assunto la piena responsabilità.

La cosa più importante e corretta è la problematica odori e relativa molestia provenienti dalla Discarica Comunale di Sommacampagna Siberie. E’ un grave problema che la mia Amministrazione e gli uffici preposti del Comune di Sona stanno affrontando da oltre 6 mesi, con determinazione, decisione e necessità immediata di risoluzione.

Lei afferma di un “alta incidenza di tumori che si riscontrano a Lugagnano”: immagino che abbia dei dati scientifici corretti che io non ho; le chiedo quindi, come primo cittadino responsabile della sicurezza e della salute pubblica nel territorio comunale, di averne copia affinché possa verificare ed eventualmente agire.

Gli odori provenienti dalla Loc. Siberie hanno valori frutto di misurazioni tecniche che lei può avere dal Comune di Sommacampagna, dall’ARPAV e dall’ASL: sono dati pubblici e li può richiedere agli uffici comunali scrivendo a questa mail ufficio.ambiente@comune.sommacampagna.vr.it.

Sempre per quanto scritto credo che lei si riferisca in particolar modo alla molestia odorosa: questo è il vero problema sul quale stiamo lavorando da tempo per evidenziare al Comune confinante il grave disagio che ciò crea ai cittadini di Sona, in particolar modo a quelli dell’abitato di Lugagnano.

Per quanto riguarda Ca’ di Capri non risultano emissioni di questo tipo e anche in questo caso immagino che lei abbia informazioni che nè io nè gli uffici comunali, provinciali e regionali possediamo. E’ al corrente che grazie all’opera del Comune di Sona e del Comitato di cittadini in questo momento la discarica di Ca’ di Capri è ferma? O ha lei notizie di attività in corso se pur vige una sospensiva del TAR?

Il Comune di Sona sta operando con chi preposto per arginare e risolvere il problema causato da una discarica “fuori confine”. E si sta muovendo anche su Matco e su Sun Oil, due situazioni di cui lei non fa cenno ma che risultano altrettanto problematiche per le emissioni odorose (nel primo caso) e per i depositi di materiale pericoloso (nel secondo caso).

Il sottoscritto non ha le mani legate, non si ferma davanti a nulla ma può avere sicuramente più “peso” se i cittadini evidenziano, come ha fatto lei, questo grave problema. Abito a Lugagnano (lo sapeva?) e ho già segnalato gli odori che personalmente ho sentito e tanti altri cittadini lo hanno fatto… Come hanno fatto quelli di Caselle dove è sorto un comitato di cittadini.

Ci chiede cosa faremo ora? Le rispondo subito: ci siamo già mossi, sulla base di quanto dichiarato nell’ultimo consiglio comunale; e ci muoveremo nei confronti del Comune di Sommacampagna, della Provincia e della Regione, Enti preposti alle autorizzazioni e alle verifiche. Aggiungo che personalmente non ho mai affermato la frase “così facciamo stare zitti i cittadini che non sentono più odori”. Mi può riferire chi si è permesso di fare questa grave dichiarazione?

Concludo questo mio scritto ringraziandola e invitandola a scrivere oltre che al Comune di Sona e alla Redazione del Baco, anche all’ufficio ecologia di Sommacampagna, agli Amministratori di Sommacampagna e alla Provincia di Verona, Ufficio Ambiente ed Ecologia.

Spero di poterla incontrare e sono sicuro, proprio per come oggi ha trattato la problematica, di vederla presente agli incontri pubblici che facciamo dove vengono affrontati i problemi ambientali del nostro territorio, anche se sempre minima è la presenza di chi come lei oggi sostiene i giusti diritti.

Cordiali saluti.

Il Sindaco di Sona

Gianluigi Mazzi