Ascolta questo articolo

“…Verranno realizzati percorsi pedonali-ciclabili che colleghino Mancalacqua a Lugagnano e Beccarie, passando attraverso nuove aree verdi”. Preso pari pari dal programma, giusto per ricordarci che uno dei cavalli di battaglia della nuova Amministrazione è quello della vivibilità, sicurezza e decoro urbano. E pure ci ricordiamo ancora le parole dell’allora vice-sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici Gualtiero Mazzi quando proclamava attraverso le pagine de L’Altro Giornale “faremo di Lugagnano una nuova Pescantina” , ricordando le fiorite aiuole del paese sull’Adige, i suoi marciapiedi e il suo arredo urbano ben curato.

 

Come non essere d’accordo, e sottoscrivere tali intenzioni? Solo che al tempo a questo proclama fece seguito la sostituzione di alcuni alberi in via San Francesco già ventennali e quindi dotati di una bella chioma verdeggiante, con degli spelacchiati e striminziti ulivi che sembrano spezzarsi ad ogni folata di vento.

 

In questi giorni abbiamo visto gli operai all’opera a Lugagnano (vedi foto). Vuoi vedere che a distanza di sei mesi dall’insediamento il programma sembra finalmente attuarsi? Solo che le nuove e sicure piste ciclabili sembrano confermarsi essere quelle segnalate dalle strisce sulla carreggiata stradale, insicure, pericolose, insensate nei loro passaggi più pericolosi.

 

Si vede bene che nessuno dell’Amministrazione ha figli che percorrono questa pseudo-pista, anzi, si vede bene che nessuno di questi è di Lugagnano! Attendiamo di vedere il decoro urbano, vedremo se delle lussureggianti aiuole sostituiranno le attuali pietose fioriere e i rinsecchiti fazzoletti di verde lungo la strada principale. Attendiamo con fiducia e con speranza di essere smentiti, perchè a Lugagnano noi ci siamo veramente affezionati!