"Non consegnate le chiavi!"

In merito alla vicenda che riguarda l’affidamento della gestione del circolo tennis di Lugagnano (nella foto), attorno alla quale si è aperto un forte dibattito anche sul nostro forum, abbiamo ricevuto – e pubblichiamo – la lettera di una ragazza di Lugagnano.

 

Sono una ragazza che da sette anni frequenta il Circolo Tennis a Lugagnano.

 

Posso dire che anche per me, come per tutti i genitori dei ragazzi che lo frequentano, la notizia di questa presa di posizione da parte del Sindaco ha lasciata senza parole.

 

Ora, forse non sono la persona più esperta di questioni legali, ma posso ben affermare e sostenere che da come mi è stato riferito, e da quello che ho letto attraverso la lettera del Presidente del Circolo Tennis, le modalità con cui questo bando è stato reso noto al circolo sono ridicole.

 

Da sempre il circolo è cresciuto attraverso l’impiego di tempo e denaro di moltissimi volontari, che l’hanno fatto diventare per noi ragazzi un luogo sì per giocare a tennis o a calcetto, ma sopratutto anche un luogo dove poter crescere dal punto di vista umano grazie alle persone che vi collaborano.

 

Personalmente, se il circolo verrà affidato alla gestione di altre associazioni e i volontari di sempre non ci saranno, andrò ad allenarmi altrove, magari seguendo i due maestri di tennis che hanno dovuto lasciare il circolo, dopo moltissimi anni di attività.

 

La rabbia è tanta di fronte ai gesti immaturi da parte di quelli che dovrebbero essere figure di esempio politico per i giovani, e non ci sono parole per esprimere il disgusto che io e la mia famiglia abbiamo di fronte a tutto ciò.

 

Con questo concludo, con la speranza che le chiavi del circolo non vengano consegnate e che l’attività possa proseguire come è sempre stato, cioè in maniera eccellente ed esemplare.

 

Elisa Sona