Nasce “Fondazione Cuore Blu – Vivere gli Autismi”: l’annuncio di Ants onlus per l’autismo

Tanta emozione nella sala Arazzi di Palazzo Barbieri a Verona, dove ha fatto il suo debutto ufficiale “Fondazione Cuore Blu-Vivere gli Autismi”, con l’occasione della presentazione del libro “Il super potere di Cressida” di Giambattista Macchi.

Presenti la presidente e fondatrice Cristina Bosio e gli altri soci fondatori: Federica Costa, Paola Veronesi e Silvia Perina per Ants onlus per l’autismo con sede nel Comune di Sona, Antonella Dalla Pozza per Autismo Triveneto e il dottor Leonardo Zoccante.

Ad aprire la conferenza stampa è stato l’assessore al sociale Maria Daniela Maellare, elogiando il racconto di Giambattista Macchi, che non potendo essere presente ha ricevuto un caloroso applauso e un abbraccio virtuale da tutti i presenti: “Consiglio questo libro a tutte le mamme, papà, nonni, insegnanti, perché ci aiuta a capire alcuni comportamenti di questi bambini e ragazzi speciali, ci stimola a cambiare prospettiva… che è uno sforzo che dobbiamo fare tutti noi per venire incontro a loro, per rendere più semplice la loro quotidianità”.

La parola è passata quindi al consigliere regionale Filippo Rigo, che portando i saluti dell’assessore Manuela Lanzarin ha spiegato: “Proprio in questi giorni abbiamo votato all’unanimità una mozione per la giunta ad impegnarsi a dare sempre maggior sostegno ad enti e iniziative a favore delle persone con disturbi dello spettro autistico. Posso dire di essere orgoglioso, in quanto veronese, per il lavoro incredibile che sta svolgendo l’Amministrazione comunale, grazie a cui Verona sta diventando sempre più un punto di riferimento per l’autismo. Ringrazio in particolare il consigliere Laura Bocchi, grazie a cui mi sono avvicinato a questo mondo; grazie al dottor Zoccante, punto di riferimento sempre presente, grazie all’autore di questo libro dedicato ai bambini, ma ideale per noi grandi per guardare il mondo dell’autismo attraverso i loro occhi”.

E’ arrivato stato quindi il momento di presentare Fondazione Cuore Blu, nelle parole della presidente e Fondatrice Cristina Bosio: “Oggi nasce Fondazione Cuore blu – Vivere gli autismi: un traguardo, punto di arrivo di un percorso ormai ventennale condiviso da Ants e Autismo Triveneto, qui presente con Antonella Dalla Pozza. Una nuova realtà che punta sul concetto di sinergia, di alleanza, per un potenziamento e prolungamento delle azioni concrete sul territorio, guardando al futuro dei nostri figli che domani saranno ragazzi e adulti, con nuove esigenze e problemi per le famiglie, a cui speriamo di dare risposte sempre più concrete e puntuali. E’ con tanta emozione che ringrazio l’assessore e tutto Comune con Laura Bocchi per l’opportunità di condividere oggi con voi questa iniziativa, e per tutto il percorso fatto fino ad oggi. Grazie a Giambattista Macchi per averci regalato questa storia che in maniera semplice e delicata riesce a raccontare l’autismo andando oltre comportamenti e gesti esteriori, dando loro un senso… lui, da papà, è riuscito a cogliere tutta l’essenza e la bellezza dell’autismo, e a regalarcela”.

“Grazie ancheha proseguito Cristina Bosioalla bravissima Giulia Terragni per il lavoro certosino nel realizzare le splendide illustrazioni che riescono a rapprendere al meglio queste emozioni. Questo libro nasce infatti da un lavoro di squadra, che ha visto avvicinarsi molte persone che in modo spontaneo hanno dato il loro contributo, come Luca Peretti, Claudia Treviso e Daisy Franchetto. E infine vorrei ringraziare di cuore Vittoria Vesentini, l’autrice del logo della fondazione, che non a caso rappresenta due mani come simbolo di una sinergia tra due realtà”.

E’ seguita poi la testimonianza di Luca Peretti, papà di Dante, che ha collaborato attivamente al progetto: “E’ un libro bellissimo, straordinario nel trovare un prezioso punto di incontro tra chi vive l’autismo e chi non lo conosce: è un libro profondo ma leggero, una storia che riesce a prenderci per mano e ad accompagnarci in punta di piedi nella complessità dell’autismo, aiutandoci ad avvicinarci a queste persone speciali”.

Immancabile, in chiusura, l’intervento del Dottor Zoccante: “Sono felice di essere qui, a questo tavolo importante che da due anni aggrega più forze, in una sinergia indispensabile per poter gestire al meglio l’autismo, problema complesso che richiede una condivisione di intenti. Grazie al Comune per offrirci la possibilità di riunire tanti professionisti, creando tra loro delle alleanze operative preziose. Il libro presentato oggi può essere uno strumento prezioso per gli insegnanti, per condividere con gli alunni la tematica dell’autismo e diffondere così la consapevolezza sull’autismo con la mediazione importantissima del mondo della scuola”.

Articolo precedentePlastic Free chiama e Palazzolo risponde (ma con pochi volontari)
Articolo successivoAnche la cantina Poggio delle Grazie alla 54^ edizione del Vinitaly
Laureata al DAMS, mamma di 4 pesti, addetta stampa, Vera Tomelleri è appassionata di Manga e mountain bike, sogna l’Africa, la route 66 e… un’escursione in Oceano per avvistare squali bianchi.