Musica e poesia dialettale in Pieve: una serata di grandi suggestioni

Nell’antica Pieve di S. Giustina di Palazzolo, sabato sera 20 aprile si è svolta con grande successo e con applausi per tutti i brani, la seconda edizione della serata Musica e Poesia in Pieve, con molta affluenza di pubblico nonostante il tempo incerto.

 

Dopo la presentazione di Stefano Ambrosi, presidente dell’associazione “La Torre” di Palazzolo che ha organizzato l’evento, le musiche per flauto e arpa si sono alternate  alle poesie dialettali. Le allieve di flauto  del Corpo Bandistico di Sona, Sofia Boninsegna, Anna Caleffi, Valentina Perina, Elena Rossetto con le loro maestre Sabrina Casagrande e Giulia Favari hanno “flautato” brani di, Dvořak, Faber, Morricone, Mozart e Snell.

 

Chiara Isepato ha pizzicato con le corde della sua arpa brani di Hasselmans e di anonimi. Mariuccia Armani  e Flavio Dall’Ora  hanno recitato con vera maestria, anche interrotti dagli applausi,  poesie in dialetto veronese di famosi autori: Angelo Lotto, Anita Peloso Vallarsa, Angelo Sartori e Bepi Sartori. 

 

Si ricorda che  l’ultracentenaria “ Banda di Sona”, fondata nel 1831, è diretta ormai da quasi trent’anni dal maestro Fabrizio Olioso e avvia alla cultura musicale ogni anno una decina di nuovi ragazzi, avendo impegnati attualmente 140 musicisti fra giovani e meno; oltre alla Banda vera e propria, le formazioni giovanili sono unite nella Sarabanda e Tacabanda che si esibiscono nelle scuole e in varie occasioni. Questa serata ha confermato una formula vincente e sicuramente da ripetere ogni anno.