M’Illumino di Meno: la biblioteca di Sona si è vestita di un’altra luce

Venerdì 23 febbraio, alla sera, i ragazzi del progetto EDY hanno spento le luci della biblioteca e l’hanno illuminata in un modo diverso, con luci soffuse a basso consumo ma anche con musica live, giochi, bevande, sorrisi e buona compagnia.

Questo è stato M’illumino di Meno, la festa del risparmio energetico coordinata ogni anno a livello nazionale da Caterpillar Radio2, alla quale il Comune di Sona aderisce da diversi anni, spegnendo per mezz’ora le luci delle piazze.

Il tema proposto aveva per titolo “Coi piedi per Terra”, per ricordarci di ciò che sta sotto le nostre scarpe, ci sostiene e ci dà vita, e che molto spesso ci dimentichiamo di rispettare e salvaguardare. Per questo sono stati invitati tutti i partecipanti ad indossare ai piedi delle calze colorate o stravaganti, dando un tocco di vivacità alla serata.

Le poesie dialettali messe in musica dall’originale band “Le Fughe de le Matonele” hanno creato un’atmosfera suggestiva, che è poi continuata con la straordinaria voce del chitarrista e cantautore Pietro Cupo Cuppone. Le lampade a basso impatto ambientale e i faretti a led hanno rischiarato l’intero ambiente e l’angolo dedicato ai giochi del tris e del twister, realizzati in versione gigante.

I ragazzi di EDY, attraverso questo evento, hanno voluto concludere un intero anno di iniziative e progetti da loro ideati, messi in atto in diversi contesti nel territorio del comune.  Il messaggio che hanno lanciato attraverso M’Illumino di Meno però rimane, ovvero l’aver dimostrato che sostenere uno stile di vita ecologico e all’insegna del risparmio energetico è possibile ma è anche molto importante.

Le foto sono di Matteo Paoletti.

.

Articolo precedenteIn Biblioteca a Sona il primo Baby Pit Stop del Comune per l’allattamento, in collaborazione con l’UNICEF
Articolo successivoAnts di Lugagnano e famiglia: riprendono gli incontri per mamme e papà, prosegue il progetto per i fratelli
Classe '95 e originaria di San Giorgio in Salici, è cresciuta con la passione per la scrittura e l'amore per lo sport, soprattutto la pallavolo. Nel 2020 ha conseguito la laurea magistrale in Editoria e giornalismo all’Università di Verona, e dopo aver lavorato diversi anni come bibliotecaria, oggi prosegue, in campo professionale, sulla strada dell'informazione.