“Magno cum Gaudio”, cibo e cultura a Villa Eire a Sona. Si parte mercoledì

Ascolta questo articolo

Tra ottobre 2013 e gennaio 2014, con un percorso sensoriale e sinestetico che parte dal cibo, cultura e umorismo si siederanno comodamente a tavola. Per avvicinare i buongustai a mondi diversi e lontani, da scoprire e assaggiare, sorseggiare e ad ascoltare…

 

La tavola sarà quella del rinomato ristorante Villa Eire di Sona capoluogo, che propone un’iniziativa che va allargare il suo già ricco menù. Si tratta di Magno cum Gaudio, rassegna patrocinata dal Comune di Sona e dalla Provincia di Verona. Il primo progetto Gourmet di Villa Eire che coinvolge cultura, natura e sensi, sarà ospitato nella “Sala del Rustico” tra le antiche mura della Villa e i suggestivi spazi naturalistici del giardino. Il programma si svolgerà tra ottobre 2013 e gennaio 2014, con un percorso sensoriale e sinestetico che parte dal cibo proposto da diversi esperti e relatori qui ospitati.

 

Le serate di Villa Eire, inizieranno mercoledì 23 ottobre con un tema ameno: Ridere a tavola”. La scienza ha detto molto sull’importanza dell’umorismo e del cibo sano. Creare un connubio tra questi due elementi migliora la vita? Lo racconterà Alberto “Grezza” Grezzani, monologhista veronese, finalista al concorso nazionale per cabarettisti emergenti “Premio Alberto Sordi” 2011, portato alla ribalta da Zelig. Nel corso della serata, gli ospiti gusteranno una allegra Cena Vegetariana. Perché, “Chi l’ha detto che esser “vegetariano” è triste?”. Coloreranno il Menù ad hoc Spiedino al verde, Aperitivo Verde Veronese, Fritturina e verdi bruschette, Amatriciana Vegan, Parmigiana Siciliana Bio, Spezzatino di Legumi allo zenzero e Curcuman, Carote Viola della regina Beatrice d’Olanda, Strudel di Zucca.

 

Per mercoledì 30 ottobre sarà in programma una Cena Indiana immersa nel fascino Kathak. Suggestioni Kathak sarà uno spettacolo-concerto di danza classica indiana con Lisa Pellegrini (Danza) e Daniele Dubbini (Flauto Bansuri, indiano di bambù). Gli artisti presenteranno un repertorio di musica classica e danza, in assoli e duetti, che accompagneranno i cibi e le ricette conosciuti nei loro viaggi in Oriente.

 

Il primo appuntamento di novembre sarà mercoledì 13 e proporrà una Cena Musicale etnica tra Veneto e Aborigeni, intitolata “Terra australis, terra veneta!”. Florio Pozza racconterà con la musica di un tipico strumento australiano la sua terra natia, dove già i suoi genitori avevano esportato la nostra tradizione veneta. Il suono del didgeridoo, l’atmosfera e il menù evocheranno intriganti dimensioni ancestrali e una suggestiva fusione tra l’Australia e il Veneto.

 

Cena e spettacolo a partire dalle 21 alle 23 (25 euro incluse bevande e caffè, solo su prenotazione con accesso ai tavoli fino alle 20.50 / il menù è lacto-ovo vegetariano e bio). Prenotazione: 045 6081185.