Lutto a Sona per la scomparsa di Paolo Lamacchi, sportivo molto conosciuto. Il tamburello Palazzolo: “Grande dolore”

Grande è in queste ore nel Comune di Sona il lutto per la scomparsa prematura dopo una malattia di Paolo Lamacchi.

Paolo, 57 anni, era molto conosciuto e apprezzato per il suo impegno nel mondo dello sport. Podista, maratoneta, grande appassionato di tamburello, in queste ore viene ricordato con dolore e affetto dai tanti che lo hanno conosciuto e che hanno condiviso con lui anni di attività sportiva.

“Da dieci anni faceva parte della società del Palazzolo Tamburello – dichiara al Baco il presidente Piero Carletti, molto commosso – sia come giocatore che come allenatore di giovanili, prima in serie C e attualmente serie B. Paolo era una persona competente e presente, sulla quale si poteva sempre fare affidamento. Con il sorriso sulle labbra, si spendeva al massimo per trasmettere la sua passione ai suoi giocatori”.

I funerali di Paolo Lamacchi si tengono oggi 24 aprile alle ore 11 nella chiesa parrocchiale di Sona. Alla famiglia e a chi gli ha voluto bene vadano le condoglianze della redazione del Baco.

Davide Rudari
Nato a Bussolengo nel 1974, risiede da sempre a Corte Salvi, tra Lugagnano e Verona. Sposato con Chiara ha un figlio di nome Emanuele. Analista programmatore presso il Banco BPM. E’ appassionato di tecnologia, computer, fotografia, di manga/anime. Nel tempo libero gioca (male) a tamburello e segue con passione la squadra della propria contrada A.T. Salvi per la quale è segretario fotografo e reporter. Amante del freddo e dell’inverno, della buona cucina e delle persone che ridono di gusto.