Lugagnano: Tutto pronto per una grande edizione del Verona Prog Festival. Ne parliamo con Giamprimo Zorzan

Appuntamento consueto tra i festival musical più frequentati e seguiti della provincia di Verona, anche quest’anno il Verona Prog Festival promette scintille. I nostri lettori avranno sicuramente già letto i manifesti che tappezzano il nostro Comune, ma per saperne qualcosa in più, abbiamo incontrato il fondatore del festival, Giamprimo Zorzan (nella foto), nel suo club Il Giardino, alla vigilia di una serata davvero speciale.

Ciao Giamprimo, ti vedo nel bel mezzo di grandi preparativi per una serata che si preannuncia speciale, cosa sta succedendo?
Stasera (lo scorso 17 Maggio nda) ci sarà presso il nostro club la presentazione ufficiale alla stampa ed al pubblico, della prima produzione del club, il nuovo cd di Aldo Tagliapietra intitolato “Il Viaggio”.

Mentre Giamprimo racconta, tutto intorno è un gran via vai di tecnici, collaboratori e cuochi che allestiscono la sala del club che ha già tutti i tavoli e le poltroncine riservate.  Che genere di musica proporrete stasera? Come mai avete scelto di produrre questo lavoro?
Aldo è venuto a suonare presso il nostro club svariate volte negli ultimi anni, anche assieme al celebre gruppo delle “Orme”. Ci siamo conosciuti meglio e mi ha parlato di questo suo lavoro, pronto da un po’, ma in attesa di pubblicazione. Si tratta di un cd di grande pregio, frutto di un lungo viaggio in India, dove Aldo ha perfezionato l’uso del sitar. Il cofanetto infatti (stampato in preziosa rilegatura numerata ed autografata) contiene anche un libro corredato da fotografie riguardanti proprio il viaggio in India.

Questa serata chiude la stagione del Giardino, vero?
Sì chiudiamo decisamente in bellezza con tanti invitati e un ricco buffett offerto ai nostri soci. Il bilancio del nostro club è in assoluta crescita con più di 900 soci registrati e artisti nazionali ed internazionali di assoluto pregio che ci onorano sempre più della loro presenza. Le nostre energie, come ogni anno, ora si convogliano verso l’organizzazione del Verona Prog festival che vanta un cartellone a dir poco eccezionale.

Mi racconti nello specifico quali saranno gli ospiti del Verona Prog Festival?
Iniziamo il prossimo 4 Giugno con i DFA, gruppo veronese di genere progressive ed i Canadians, un giovanissimo gruppo rock veronese reduce da un fortunato tour negli Stati Uniti. Siamo molto felici di ospitarli perché pur essendo molto giovani hanno raccolto un gran seguito di fan. Il 5 Giugno invece ospiteremo una gradità novità: i Castello di Atlante, un gruppo progressive formatosi nel 1974 e i Mangala Vallis, che ritornano a grande richiesta al nostro festival dopo il grande successo di 2 anni fa.

Se non mi sbaglio però le vere chicche le hai riservate per le ultime 2 serate, quelle del 6 e 7 giugno…
Sono molto orgoglioso di avere al festival che ho creato le due più importanti band al mondo del genere progressive! Il 6 Giugno direttamente da Marsiglia arriveranno gli Eclat, forse il gruppo più famoso in Europa del genere, nonché organizzatori del più grande Festival europeo del progressive. Sempre la serata del sabato suoneranno per noi gli Arti e Mestieri, storico gruppo anni 70 famoso per la sua formazione composta da 8 elementi e per l’abilità di spaziare verso il genere jazz.. Il mio principale orgoglio però è avere come ospiti la sera del 7 giugno i Cast, gruppo messicano celeberrimo in tutto in mondo che porterà un sacco di fan d’oltreoceano direttamente sul nostro palco. La serata di sabato sarà inoltre impreziosita dal concerto delle Orme e dal primo concerto ufficiale di Tolo Marton.

Addirittura un gruppo dal Messico! Come sei riuscito a portare grandi gruppi internazionali direttamente a Lugagnano?
In questi anni ci siamo fatti sempre più conoscere a livello sia nazionale che internazionale, ormai il nostro festival è molto amato dagli estimatori del genere prog. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto dai miei collaboratori perché siamo riusciti a ricreare una sorta di punto d’incontro mondiale per gli appassionati della musica, ci tenevo molto che il mio festival avesse un respiro internazionale e a quanto pare ci sono riuscito brillantemente!

Sarà tra l’altro una splendida occasione per far conoscere il nostro territorio agli spettatori provenienti dalle zone più disparate, è una grande chance di promozione anche per il nostro Comune! C’è qualcuno in particolare che vuoi ringraziare per aver impostato una macchina organizzativa così grande ed efficiente?
Mi piacerebbe molto nominare il mio staff che collabora con me durante tutto l’anno di lavoro del club: Sandra Ninci – presidente del club Il Giardino – e i miei fidatissimi collaboratori: Celeste, Beniamino e Renzo.

A questo punto Aldo Tagliapietra arriva al Club accompagnato dai suoi collaboratori e Giamprimo inzia ad entrare nel vivo di una serata importantissima tra addetti stampa ed ospiti speciali. Vi rinnovo l’invito a fare un salto al Verona Prog Festival che si terrà, come ogni anno, a Lugagnano presso il centro tennis a partire dal prossimo 4 Giugno. L’anno scorso sono arrivati più di 1300 spettatori e quest’anno miriamo a risultati ancora più brillanti!