Lugagnano: se n’è andato Andrea Barbieri, sportivo e uomo vero. Uno di noi

Andrea Barbieri, con moglie e figlia
Ascolta questo articolo

Se n’è andato lunedì 16 ottobre, dopo alcuni anni di malattia, in una giornata di sole e di colori forti quale solo i migliori autunni sanno regalare. Una giornata bella da far male, perché la notizia della scomparsa di Andrea Barbieri ha fatto piombare tutta la comunità di Lugagnano in un abisso di dolore.

Nato il 17 maggio del 1966, cinquantuno anni, Andrea lascia un vuoto immenso nella nostra comunità, come solo certe morti troppo premature drammaticamente creano.

Conosciuto praticamente da tutti a Lugagnano, con quel suo largo e quieto sorriso da persona seria e positiva, amante della vita e dello sport, Andrea è stato per moltissimi anni una vera colonna dell’AC Lugagnano.

Giovanissimi dell’AC Lugagnano campioni provinciali nell’annata 1980-1981. Andrea Barbieri è il primo a sinistra accosciato.

Quando nel 1981 con i Giovanissimi del Lugagnano aveva vinto il campionato provinciale, il mitico mister Giancarlo Apostoli lo aveva addirittura segnalato all’Hellas Verona. Per dire.

Dopo più di 25 anni di carriera nel Lugagnano e in molte altre squadre, durante i quali si è sempre distinto per le sue doti sportive ed umane, nel 2011, a 45 anni suonati, aveva addirittura raccolto la sfida di tornare a giocare nella doppia veste di giocatore e capitano per la società del Presidente Forlin, per la quale un paio di anni prima aveva fatto anche l’allenatore in seconda. Accettando di rimettere gli scarpini proprio per il grande amore che sempre ha coltivato per quei colori e per il suo paese.

Ora però se n’è andato, lasciando nel dolore immenso la moglie e i due figli. E con loro un’intera comunità che oggi si stringe nel ricordo e nel lutto.

Erich Fromm scriveva che morire è tremendo, ma che è l’idea di morire senza aver vissuto ad essere insopportabile. Ecco, questo è un rischio che Andrea non ha mai corso, lui la vita l’ha sempre vissuta al massimo delle sue possibilità e della sua ricchezza, sia negli anni della forza che negli anni della malattia.

Martedì 17 e mercoledì 18 vi è la recita del rosario in sua memoria alle ore 19.45 nella cappella accanto alla chiesa di Lugagnano, mentre il funerale si tiene venerdì 20 alle 15.30, e sarà occasione per stringerci per l’ultima volta, qui sulla terra, attorno ad uno di noi.