Lugagnano: La discarica Cà di Capri in Consiglio provinciale

Ascolta questo articolo

Il dieci ottobre scorso la conferenza dei Capigruppo del Consiglio Provinciale ha deciso di non attivare la commissione speciale conoscitiva, richiesta dalle minoranze sulla vicenda Rotamfer-Cà di Capri. Si è arrivati a questa decisione attraverso un voto a larga maggioranza, includendo anche i voti del centrosinistra.

Massimo Righi, presidente del Consiglio provinciale, ha dichiarato che “la commissione speciale sarebbe stata a porte chiuse, riservata ai soli membri. Il lavoro in Quarta Commissione, invece, è aperto a tutti i consiglieri e ai veronesi. Siamo stati tutti d’accordo nel segno della trasparenza degli atti”.

Gli uffici del settore Ecologia predisporranno ora una relazione tecnica che elenchi dettagliatamente tutti i rapporti intrattenuti con la ditta Rotamfer e che faccia il punto della situazione. Non appena il materiale sarà pronto il presidente di Commissione predisporrà un calendario degli incontri. “Verranno spiegati tutti i passaggi amministrativi intercorsi sulla nostra competenza – ha detto il presidente Andrea Tognetti -. Al termine valuteremo se stendere un documento di sintesi”.