Lugagnano: Il Comune firma la convenzione per “La Casa di Alice”

Lo stabilimento Agripol a Lugagnano.

Venerdì 6 Febbraio alle ore 11 presso la sala civica “canonica vecchia” di Sona, sarà firmato il contratto di comodato gratuito tra il Comune di Sona e AMA-INVEST S.r.l., gruppo Amadori, proprietaria del complesso immobiliare conosciuto come ex Agripol di Lugagnano (nella foto), ora dismesso.

Quale destinazione sarà data, in forza di questo accordo, alla struttura posta alle spalle delle opere parrocchiali? “Abbiamo pensato che quell’edificio – dichiara il Sindaco Gianluigi Mazzi – possa essere utilizzato per finalità di pubblica utilità dall’Amministrazione comunale unitamente ad associazioni presenti sul territorio, che saranno da individuarsi con successivi provvedimenti, che condividano gli scopi sociali. Uno sforzo economico anche per il Comune ma ben indirizzato: innanzitutto daremo a Lugagnano un grande spazio per il parcheggio, aperto sempre, delimitato dal capannone e illuminato pubblicamente, e poi discuteremo i criteri per l’assegnazione degli spazi. Stiamo andando nella giusta direzione che è quella di dare servizi a i nostri cittadini, anche in questo periodo di crisi”.

Quello che verrà ricavata quindi sarà una struttura dove molte associazioni del territorio potranno trovare casa, oltre ad un ampio parcheggio che si otterrà togliendo la cancellata al piazzale prospiciente l’edificio. Parcheggio che nel centro della frazione manca come il pane.

alice belloniMa quali lavori dovranno essere fatti per rendere utilizzabile la struttura? “In pratica – spiega il Presidente del Consiglio Comunale Roberto Merzi – si partirà con un trattamento di bonifica al tetto con vernice incapsulante, da effettuarsi entro 90 giorni dalla firma. Quindi, dovremo avere la disponibilità del complesso dai primi di maggio. Sono da effettuarsi anche lavori anche ai servizi igienici e all’impianto elettrico. Al momento si insedieranno i magazzini del Comune, con un risparmio annuo di circa 15 mila euro, la sede unica della rimessa della protezione civile, ora dislocata tra Sona e Castelnuovo, e l’associazione “Il Dono”, di Lugagnano.” 

L’intera struttura, di oltre 10.000 mq, verrà chiamata “La Casa di Alice”, in ricordo della giovanissima Alice Belloni (nella foto), scomparsa lo scorso ottobre a Lugagnano.  I motivi di questa scelta li spiega l’Assessore alle Associazioni Gianmichele Bianco. “Alice costituisce un grande esempio di perseveranza, serenità e fiducia. Rappresenta un valore che deve restare nella storia, intima, ma anche un simbolo per tutti noi perché l’associazionismo sano è passione, fiducia, perseveranza e testimonianza. La Casa di Alice diverrà veramente la casa di tutta la comunità”.

Il contratto di comodato ha una durata di sei anni ed è completamente gratuito per il Comune.

Articolo precedente“Noi donne di Teheran”, se ne parla giovedì a Sommacampagna
Articolo successivoPalazzolo: un trionfo la sfilata di carnevale in notturna
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews