Lugagnano: i bambini lanciano nel cielo i loro sogni. E uno arriva a Brescia

Ascolta questo articolo

Ieri al termine della messa domenicale delle 9.30 i bambini e le bambine delle quinte elementari di Lugagnano, e le loro famiglie, hanno fatto salire al cielo una nuvola di palloncini colorati.

Aggrappati ai palloncini tanti pensieri che i piccoli hanno scritto per raccontare il mondo che vorrebbero.

Durante l’omelia il Parroco don Antonio ha spiegato che la speranza e il desiderio era che quei palloncini compissero più strada (più cielo) possibile, come delle preghiere in volo, e magari arrivassero nelle mani di persone che avrebbero potuto condividere quel pensiero dei nostri piccoli compaesani.

Un desiderio che, come talvolta accade, ha subito trovato riscontro nella realtà. Tanto che già ieri sera una ragazza da Brescia ha scritto a Nadia Zocca, amministratrice del gruppo facebook “Sei di Lugagnano se…”, per raccontare del palloncino che le è caduto in mano.

“Sono Roberta Nadalini una ragazza di Rezzato (Brescia), che stamattina si è trovata sotto casa un palloncino rosso con attaccato un messaggio scritto da un bambino di nome Giulio, che abita a Lugagnano”.

“Ho visto su facebook che lei è l’amministratrice del gruppo “Sei di Lugagnano se…” – scrive la ragazza a Nadia Zocca – e ho deciso di scriverle. Volevo semplicemente sapere se è possibile rintracciare Giulio e riferirgli che il suo messaggio di speranza è arrivato… e sino a Brescia!! Era tutto bagnato ma ben leggibile!”

“Condivido il suo desiderio che le guerre cessino e che ci sia, finalmente, un mondo di pace!!”, termina da Brescia. Sicuramente con un gran sorriso stampato in viso.

Una piccola ma bella storia. Per testimoniare che a volte i desideri, se ci si crede veramente, trovano gambe (o vento) per potersi muovere.

.