Lugagnano: “Ho trovato un gatto morto davanti al negozio, ma in Comune nessuno ha potuto darmi una mano”

Un negoziante di Lugagnano ci ha scritto la vigilia di Pasqua per segnalarci una situazione che si è verificata proprio sulla porta del suo esercizio commerciale.

“Questa mattina davanti al nostro negozio abbiamo trovato un gatto morto, probabilmente causa un incidente. Tutti preoccupati alle 8.10 abbiamo chiamato i vigili per avvisarli del fatto e per chiedere che mandino qualcuno per portarlo via, trattandosi di un tipo di rifiuto che non è assolutamente possibile smaltire in maniera ordinaria. Purtroppo la risposta è stata che fino a martedì non c’è nessuno che può fare questo”.

“Io capisco – scrive il negoziante – che è la vigilia di Pasqua e capisco anche che le ferie sono sacrosante. Capisco anche che sicuramente non è un problema grave, anzi, però non capisco che se in un Comune c’è una necessità di questo tipo non ci sia nessuno che possa intervenire per risolverla. Quindi dovremmo tenerci questo gatto morto per quattro giorni davanti la porta”.

“Alle 11, comunque, non vedendo nessuno, in collaborazione con i dipendenti dell’agenzia accanto al nostro negozio abbiamo messo il gatto in un sacco nero chiuso bene, e lo lasceremo lì fino a martedì. Dal mio punto di vista – termina il negoziante di Lugagnano – queste cose non devono succedere e credo che un Comune debba avere del personale addetto a questo tipo di emergenze”. 

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews