Lugagnano: Giornate dello Sport a scuola, il basket in carrozzina come lezione di vita. Questo e molto altro nei nostri istituti scolastici

Delle Giornate dello Sport a Scuola avevamo già parlato in un precedente articolo, in cui venivano illustrate le attività della scuola primaria “Silvio Pellico” di Lugagnano, culminate con l’arrivo della campionessa olimpica Sara Simeoni.

Ma tanti momenti significativi sono stati organizzati a metà febbraio anche presso la Scuola dell’Infanzia di Lugagnano, dove sono intervenuti esperti ed insegnanti di calcio, karate e danza. I settanta bambini, di età compresa tra i tre e i sei anni, sono stati divisi in gruppi e a rotazione, nelle due giornate, si sono  impegnati nelle tre discipline sportive.

“I piccoli – dice l’insegnante Nadia Zandonà – hanno accolto con molto entusiasmo i giochi con il pallone e le mini partite dell’allenatore di calcio Fausto Cottini, hanno affrontato con impegno i percorsi di allenamento dell’istruttore di karate Luigi Lorenzon e si sono divertiti molto nei balli di gruppo proposti da Veronica Cacciatori. Noi insegnanti abbiamo apprezzato la disponibilità, la collaborazione e la pazienza di questi esperti e li ringraziamo di cuore per aver contribuito ad avvicinare i nostri bambini a queste discipline e a comprendere il valore dello sport.”

Il karate è stato proposto anche, tra le altre attività, alle terze classi della scuola primaria, mentre alla scuola secondaria di I grado le classi prime hanno sperimentato, presso il Centro Don Calabria, la pallanuoto e l’idrobike. Gli alunni di seconda sono invece stati coinvolti in alcune esperienze che coniugavano sport e disabilità.

“Giovedì 16 febbraio – ci racconta la docente Valeria Marconi – gli studenti hanno partecipato ad una attività di basket in carrozzina, proposta dall’associazione sportiva Olympic Basket di Verona, unica realtà di sport di squadra per disabili della nostra città. Venerdì 17 i ragazzi hanno avuto modo di conoscere l’associazione Diversamente in Danza, che si fonda sull’idea di avvicinare le persone diversamente abili al mondo della danza.” Questi incontri hanno permesso agli studenti delle medie di Lugagnano di raccogliere un messaggio importante: si può praticare sport anche adattandosi ai cambiamenti del proprio corpo e degli stili di vita, non arrendendosi di fronte a difficoltà anche significative, come hanno fatto del resto tanti sportivi straordinari come Bebe Vio o Alessandro Zanardi, esempi positivi che non si sono dati per vinti, superando difficoltà e sui pregiudizi”.

I ragazzi delle seconde classi della Secondaria hanno concluso le Giornate Sportive presso il circolo Tennis a Mancalacqua, dove hanno potuto impugnare la racchetta e cimentarsi in diritto e rovescio.

Infine le classi terze, oltre a partecipare ad un’attività con Diversamente in Danza, si sono recate presso la palestra King Rock per conoscere l’affascinante mondo dell’arrampicata. Alle terze è stato proposto anche l’incontro con l’ex-giocatore e attuale allenatore di pallanuoto Claudio Caorsi.

Le Giornate sportive hanno cercato, attraverso una vasta proposta, di incuriosire i ragazzi intorno al mondo dello sport, motivandoli e facendo loro scoprire anche discipline meno note del calcio, ma non per questo meno coinvolgenti e divertenti, ricche di valori.

Infatti, come affermò Nelson Mandela, “lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di ispirare, di unire le persone in un modo che poche altre cose fanno. Parla ai giovani in una lingua che comprendono. Lo sport può portare speranza dove una volta c’era solo disperazione.”