Lugagnano: chiuso fino al 6 giugno un tratto della via principale per la sistemazione dei dissuasori di velocità

Il posizionamento sulla via principale qualche anno fa di quelle due pedane per la limitazione della velocità lungo la via principale era stata vista dai residenti di Mancalacqua a Lugagnano come una vera benedizione, in quanto finalmente mettevano un freno alle corse sconsiderate di chi troppe volte considera quella strada come una pista da corsa.

Ma erano poi iniziate le lamentele per l’altezza dei due dissuasori, che subito erano apparsi sproporzionati in quanto mettono a rischio l’incolumità delle automobili e, cosa ancora più grave, creano grandi pericoli ad esempio ai motociclisti. Tanto che vi era stata addirittura una protesta formale del “Comitato coordinamento motociclisti”.

Ora il Comune ha deciso di risolvere la questione in maniera definitiva, e da mercoledì 25 maggio iniziano i lavori per sistemare quelle due pedane.

Il maggiore intervento sarà eseguito soprattutto su quella situata in prossimità dell’incrocio con via Tevere, che risulta gravemente compromessa da avvallamenti e cedimenti.

I lavori prevedono inoltre la rimozione completa della pavimentazione costituita da elementi autobloccanti in cemento colorato posati a secco su ‘spuntina’, il prolungamento delle rampe di raccordo, ora troppo ripide, la realizzazione di una nuova pavimentazione in asfalto e la fresatura e quindi il rifacimento del tappeto d’usura della pavimentazione stradale compresa tra le due pedane e di un tratto verso la frazione di Lugagnano. Verrà inoltre ripristinata la segnaletica orizzontale.

I lavori, come si diceva, iniziano con mercoledì 25 maggio e, pertanto, da quella data fino al 6 di giugno viene completamente chiuso al traffico il tratto di via Mancalacqua che va dall’intersezione con via Mincio all’intersezione con via Molinara Nuova. Esclusi dal divieto di passaggio sono solo i residenti ed i mezzi di soccorso.

Il Sindaco Mazzi prova ad anticipare le tante critiche che sicuramente arriveranno, considerato il forte traffico che giornalmente interessa quella strada, spiegando che “sicuramente ci saranno dei problemi di viabilità durante i lavori ma che l’intervento era assolutamente da fare”. In merito alle due pedane indica anche che “abbiamo fatto la scelta di non eliminarle del tutto in quanto la funzione di rallentamento deve rimanere in quella zona densamente abitata, lo scopo dell’intervento è quello di addolcirle e renderle più facilmente percorribili”.

I lavori verranno eseguiti dalla ditta Givani di Palazzolo, che provvederà anche a posizionare transenne di chiusura in corrispondenza delle intersezioni un’idonea segnaletica stradale e di cantiere.