Lugagnano: Bar chiuso per cinque giorni per violazioni delle misure anti Covid

Ascolta questo articolo

Nella giornata di giovedì 11 marzo la polizia locale di Sona, con il comandante Mori, è intervenuta presso un bar di Lugagnano.

L’intervento si è reso necessario a seguito di molte segnalazioni arrivate in Municipio, che indicavano come presso quel bar non fossero rispettate le misure anti Covid che indicano, per le aree in zona arancione come è il Veneto questa settimana, che ristoranti e bar possano prevedere solo asporto senza la somministrazione sul posto.

Quella che hanno, invece, riscontrato gli agenti della polizia locale era una situazione nella quale gli avventori consumavano le loro ordinazioni seduti fuori dal locale.

Per questo motivo è stata notificata ai titolari del bar un’ordinanza di chiusura per cinque giorni, che scatta da oggi venerdì 12 marzo, ed è stata anche elevata la sanzione pecuniaria prevista.

Il sindaco Mazzi, interpellato dal Baco, spiega che “quello che abbiamo applicato a Lugagnano è stato un provvedimento necessario, vista la situazione riscontrata. Il monitoraggio verrà ora effettuato costantemente su tutti gli esercizi del comune, e ci si augura che quella sanzionata sia una situazione che non si ripeta da nessuna parte”.

“E’ assurdo riscontrare ancora comportamenti irresponsabili di questo tipo – prosegue Mazzi – in giorni nei quali rischiamo seriamente anche a Sona di dover chiudere le scuole dalla seconda media in su. Ci stiamo avvicinando velocemente ai 250 positivi su 100mila abitanti, la soglia oltre la quale scatta in automatico la DAD. Per questa grave situazione mi sto coordinando con tutti i sindaci del Distretto 4, del quale fa parte anche Sona”.