Lo United SonaPalazzolo sfiora la vittoria al torneo internazionale di Rovereto

Ascolta questo articolo

Soltanto la robusta squadra olandese del Geldrop ha saputo interrompere lo strepitoso cammino dei nostri concittadini verso la vittoria nella categoria Under 15 del torneo calcistico internazionale Città della Pace di Rovereto. Al termine di una finale combattuta ed emozionante svoltasi davanti ad un migliaio di spettatori allo stadio della Quercia di Rovereto i nostri meravigliosi ragazzi ci hanno provato sino all’ultimo secondo per pareggiare il gol subito nel primo tempo ma i numerosi tentativi si sono infranti contro la quadrata difesa dei tulipani che con ordine è riuscita a difendere il vantaggio di misura.

 

Grandi sorrisi e abbracci comunque da parte dei nostri che sono usciti felicissimi dal campo tra gli applausi del pubblico e dei numerosi sostenitori consci di aver vissuto una fantastica esperienza che resterà a lungo nei loro cuori.  La magnifica cavalcata dei nostri ragazzi nella seconda giornata del torneo era cominciata col pareggio per 1-1 con i tedeschi del TB Ruit; era fondamentale per noi non perdere questa partita ed infatti allo svantaggio iniziale abbiamo prontamente pareggiato con Petre e più volte sfiorato la vittoria.

 

Nell’ultima partita del girone eliminatorio era quindi necessario sconfiggere i Kossovari del KF Olti  e grazie al gol di Mori ci siamo garantiti la semifinale del pomeriggio contro i tedeschi dello Franken Jura, squadra favorita del torneo. A questo punto, con estrema rapidità si è mossa l’organizzazione mediatica che ha permesso di convogliare nel pomeriggio al campo di Lizzana un notevole numero di sostenitori/familiari i quali, interrompendo per giusta causa il pranzo pasquale, si sono riversati in massa sugli spalti per sostenere i ragazzi verso la magnifica meta che si stava delineando.

 

La semifinale è stata un carnevale di emozioni; i forti germanici si sono ritrovati in difficoltà rispetto al nostro gioco arioso e spumeggiante; la partita nonostante le numerose occasioni a nostro favore  non si sbloccava ed anzi in contropiede a tre minuti dalla fine subivamo il gol che sembrava porre fine ai nostri sogni. Ma caparbiamente, con una reazione rabbiosa, i nostri giovani si riversavano all’attacco ed un colpo di testa di Mori su calcio d’angolo all’ultimo minuto rimetteva la partita sul giusto pareggio e lasciava alla lotteria dei calci di rigore il verdetto decisivo. Col batticuore sugli spalti abbiamo assistito alle perfette realizzazioni di Quaiato, Mori, Busatta e Petre mentre i nostri avversari fallivano ben due tiri dal dischetto. Era l’apoteosi  sia in campo che sugli spalti con scene di giubilo e pazze corse di felicità dei nostri ragazzi che sono venuti a raccogliere gli applausi e le ultime forze in vista della finale prevista in serata a Rovereto.

 

In un palcoscenico magnifico col contorno di migliaia di colorati spettatori provenienti da tutta Europa abbiamo con commozione cantato l’inno di Mameli assieme ai nostri ragazzi e sperato che il sogno non finisse mai; di fronte gli olandesi del Geldrop vincitore dell’altra semifinale e interpreti di un calcio atletico e veloce. Le abbiamo provate tutte dopo un primo tempo che ci ha visto forse troppo contratti per l’emozione e dove  il nostro portiere Bianchi ha sfoderato interventi decisivi; con una ripresa tutto cuore e con le ultime energie rimaste nei muscoli ogni giocatore della rosa è sceso in campo per dare il proprio contributo ma alla fine la vittoria è andata con pieno merito ai nostri avversari.

 

Poi è partita la festa; canti, balli e abbracci con migliaia di ragazzi di ogni nazione che hanno interpretato lo spirito di fratellanza dell’avvenimento; come sigla di chiusura un grandioso spettacolo pirotecnico ha degnamente suggellato una fantastica manifestazione che i nostri ragazzi ricorderanno a lungo.