Ambrosi, nuovo Segretario del PD di Sona: “L’Incontro non è finito”

A seguito della sua elezione quale Segretario del Partito Democratico a Sona, e ai commenti che ne avevamo tratto su questo sito, siamo andati a sentire il Consigliere Mirko Ambrosi.

“L’esperienza de L’Incontro – esordisce Ambrosi – non è certo terminata. Non so se ci sarà un proseguo in una nuova legislatura, ma fino al 2013 L’Incontro sarà presente in Consiglio Comunale con i tre Consiglieri attuali. Certo, rispetto a due anni fa risulta ridimensionata ma non certo per colpa nostra. Le responsabilità vanno semmai ricercate altrove, nelle scelte di altri componenti o sostenitori”.

“Ci tengo però a precisare – prosegue il neo Segretario del Partito Democratico – che noi tre non abbiamo mai nascosto le nostre simpatie politiche e che alle amministrative del 2008 il PD, allora appena nato nel nostro comune, pur non avendo partecipato alla nascita della lista civica aveva deciso di sostenerla in campagna elettorale”.

“C’è inoltre un altro aspetto da ricordare e che dopotutto è quello che ritengo fondamentale e primario: in questo momento Marco Aldrighetti, Giovanni Forlin ed il sottoscrittosottolinea Mirko Ambrosistanno rappresentando quel 40% di elettori che hanno dato la preferenza alla lista civica L’Incontro, siano essi elettori di sinistra, di centro o di destra e per far questo non dobbiamo far altro che seguire quello che era e che rimane il programma condiviso al momento della presentazione della lista. Non vedo quindi quale conflitto ci sia tra il mio nuovo incarico e il mio ruolo in Consiglio Comunale”.

Sul prossimo numero della nostra rivista in edicola a dicembre proporremo una lunga intervista al nuovo Segretario del Partito Democratico di Sona.

.

Articolo precedenteCastagnata con gli Alpini di Lugagnano
Articolo successivoSona: Un presepe di paese anche nel 2012
Mario Salvetti
Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è tra i fondatori del Baco, di cui è Direttore Responsabile. E' giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Veneto. Nel tempo libero suona (male) la batteria.