Gas: Le mezze verità

Ascolta questo articolo

Il Comune di Sona nel 1974 decise di costruire la rete del gas e, uno fra i pochi in provincia, con un buon intuito imprenditoriale decise di gestire il servizio in proprio. Fu una scelta sofferta per le scarse professionalità interne al Comune. Si puntò su un impegno maggiore degli Assessori, che in quegli anni percepivano compensi che coprivano malamente le spese vive sostenute.

Questa scelta, assieme a quella della gestione degli acquedotti portò al Comune, “depresso” per legge fino al 1968, per molti anni molti utili che servirono a ristrutturare un territorio assai scarso di servizi.

A un certo momento si decise che era opportuno privatizzare le gestioni economiche, che poco avevano a spartire con la gestione amministrativa del territorio e, attraverso un consorzio era possibile ottenere economie di scala. La scelta andava nella direzione giusta, ma portò via al comune di Sona la componente economica più interessante del suo bilancio.

Le nuove società costituite sono private solamente in senso in senso giuridico, in quanto sono sotto lo stretto controllo delle Amministrazioni pubbliche che nominano Amministratori che, spesso, come qualifica più importante presentano quella di essere politici della parte vincente su quel territorio.

Il costo assai consistente degli Amministratori delle controllate hanno ottenuto l’effetto per il nostro Comune di andare in decurtazione degli utili che già incassava in abbondanza per decenni.

Quindi, chi usufruisce del privilegio di incassare questi compensi, legittimi in quanto rigidamente a norma di legge, non s’indigni se qualche ingenuo cittadino non comprende come ciò sia possibile, moderi i toni e l’arroganza e, soprattutto, non cerchi di ottenere anche l’applauso per il vistoso contributo economico che il suo impegno porta alla nostra Comunità.

Articolo precedenteIn morte di Natale Benato
Articolo successivo29° anniversario per San Egidio
Renato Salvetti
Nato a Rovereto (Trento) il 24 maggio 1940, ha conseguito il diploma di ragioneria a Verona. Sposato, con tre figli, ha svolto l’attività di dirigente d’azienda. È stato per quindici anni un amministratore comunale come assessore e sindaco di Sona. È storico delle vicende del Comune ed è autore di pubblicazioni sulla storia recente e dei secoli passati del territorio di Sona e dell’area veronese.