Le memorie inedite di un ufficiale italiano rinchiuso a San Giorgio durante la battaglia di Custoza

Ascolta questo articolo

Il 24 giugno si commemora il 150° anniversario della Battaglia di Custoza, combattuta nel 1866. Un evento bellico che si concluse con la sconfitta dell’esercito italiano, ma in seguito agli sviluppi di quella Terza guerra d’indipendenza si arrivò comunque al passaggio del Veneto dall’Impero austroungarico al Regno d’Italia.

Ovviamente la maggior parte delle manifestazioni si svolgono nel Comune di Sommacampagna (scarica qui il volantino), ma anche quello di Sona non è certo rimasto a guardare.

Alcuni episodi della storica battaglia, infatti, si svolsero nel territorio sonese. Dell’inaugurazione del restauro del cippo del Finiletto a Rosolotti  parliamo oggi in un altro articoloNel prossimo mese di ottobre, inoltre, è prevista l’uscita di un libro, scritto dai componenti del Gruppo per la storia locale (una associazione di studiosi che lavora per la Biblioteca Comunale), che parlerà proprio di ciò che avvenne nell’ambito del nostro Comune durante le Guerre d’indipendenza.

Sarà il terzo “Quaderno”, dopo  il primo sulla Grande Guerra e il secondo sulle cartoline d’epoca.

Infine, a ulteriore conferma di come il territorio di Sona fu coinvolto negli eventi bellici del 1866, pubblichiamo un documento rarissimo (SCARICABILE E LEGGIBILE CLICCANDO QUI): le memorie di un ufficiale dell’esercito italiano che durante la battaglia di Custoza fu fatto prigioniero dai nemici, e poi rinchiuso in una cascina di San Giorgio in Salici insieme ad altri sfortunati commilitoni.