Le Foibe strage dimenticata

Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell’Istria che fra il 1943 e il 1947 sono gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani.

La prima ondata di violenza esplode subito dopo la firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943: in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti.

 

Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle foibe circa un migliaio di persone. Li considerano “nemici del popolo”. Ma la violenza aumenta nella primavera del 1945, quando la Jugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l’Istria. Le truppe del Maresciallo Tito si scatenano contro gli italiani. A cadere dentro le foibe ci sono fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini.

 

La persecuzione prosegue fino alla primavera del 1947, fino a quando, cioè, viene fissato il confine fra l’Italia e la Jugoslavia. Ma il dramma degli istriani e dei dalmati non finisce…

Tutto questo verrà trattato sabato 21 gennaio presso la Baita degli Alpini di Lugagnano a partire dalle ore 20.30.

Articolo precedenteDue nuovi Consiglieri sostituiscono Di Stefano e Giovanzana
Articolo successivoParte tutto da questa lettera? Le dimissioni di Di Stefano nascono da quelle della Rizzi?
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews