La Scuola Media di Lugagnano terza al concorso internazionale di musica di Trento

Si è tenuto lo scorso giovedì e  venerdì 12 e 13 maggio a Pergine Valsugana di Trento il 6° Concorso Internazionale di Musica nella Scuola “Accordarsi è possibile”, dedicato alle Scuole Medie ad indirizzo musicale, i Licei Musicali ed i laboratori musicali delle Scuole Superiori.

Scopo del concorso, al quale hanno partecipato circa 1500 ragazzi, è quello di valorizzare il ruolo formativo del “fare musica” nella Scuola Secondaria di primo e secondo grado, esprimendo il ruolo fondamentale della Scuola nella formazione musicale, e di fornire agli studenti di musica delle Scuole Medie un’importante occasione di crescita attraverso il confronto con altri giovani musicisti.

Al Concorso ha partecipato in forze anche  la Scuola Media ad indirizzo musicale Anna Frank di Lugagnano. A recarsi venerdì a Trento per esibirsi è stata tutta l’orchestra della scuola e molti solisti.

Per la chitarra hanno suonato Sofia Bonomi, Riccardo Campara e Michela Serugeri. Per gli strumenti a fiato Irene Boninsegna, Damiano Fasoli, Houda Farkouch, Noemi Olivieri, Samuele Giarola, Maddalena Busatta, Vanessa Donà, Samuele Venturini, Mattia Gottardi e Carlotta Pistaffa. Solisti di pianoforte sono stati Tommaso Bendinelli, Riccardo Bravi, Alessia Brutti, Pietro Campara e Teresa Prandini. Oltre a loro, come si diceva, tutti gli altri ragazzi dell’orchestra scolastica.

Ad accompagnare i ragazzi i loro insegnanti di musica: Giuseppe Schiavone per il flauto traverso, Rossana De Paoli per il pianoforte, Andrea Sona per la chitarra e Lorenzo Spina per il clarinetto.

La scuola di Lugagnano ha ottenuto al Concorso risultati straordinari, classificandosi addirittura al terzo posto con un punteggio di 88 punti su 100. Prima del nostro Istituto Comprensivo solo la scuola Giacomo Leopardi di Borgoforte, Mantova, e la scuola di Edolo, Brescia.

I ragazzi che hanno suonato singolarmente – che si sono esibiti la mattina – sono stati bravissimi e hanno ottenuto primi e secondi posti in tutte gli strumenti. Stessa cosa per l’intera orchestra che ha invece suonato il pomeriggio.

I professori sono molto felici – racconta al Baco Betty Fior, mamma di una delle ragazze partecipanti – era la prima volta che partecipavano ad un concorso, ed erano tutti emozionati e orgogliosi dei loro allievi, che si sono comportati molto bene. Per mia figlia, come per tutti gli altri ragazzi, l’esperienza è stata bellissima e la rifarebbe subito, nonostante la giornata di concorso sia stata molto intensa e lunga, con partenza da Lugagnano alle 7 di mattina e ritorno dopo le 20.

Al termine del concorso toccanti sono state le parole di saluto di uno dei giudici, Andrea Gonella.

A nome mio e di tutta la commissione artistica voglio ringraziare di cuore tutti gli insegnanti ed i ragazzi che in questi giorni hanno voluto mettersi in gioco. Ci avete regalato grandi emozioni. Spero che vi portiate a casa un buon ricordo di queste giornate anche se magari non è andata proprio come volevate. Abbiamo cercato di valorizzare i ragazzi, i gruppi e le orchestre, ma abbiamo anche dovuto dare dei giudizi. Qualcuno magari non si ritroverà nelle nostre valutazioni, qualcuno sarà d’accordo, altri avrebbero voluto di più… Abbiamo cercato di essere il più obiettivi possibile, pensando ad un consiglio più che ad un giudizio. Queste due giornate  devono essere da sprone per migliorare e per far crescere la voglia di musica nei nostri ragazzi. Fate loro i complimenti da parte nostra, dite che sono stati bravissimi e che continuino a coltivare la passione della musica.