La natività di San Giorgio in Salici ci ricorda che siamo tutti fratelli

A completare la coreografia del Natale sul territorio sonese è arrivata anche la rappresentazione della Natività realizzata da Giordano Gaiardoni all’interno della Chiesa Parrocchiale di San Giorgio.

“Il tema di quest’anno, concordato con il Parroco Padre Giampaolo Mortaro è quello della fratellanza tra i popoli e così l’abbiamo intitolato ‘Tutti Fratelli’ – ci racconta Giordano -. Nonostante i problemi legati all’emergenza sanitaria abbiamo voluto mantenere la tradizione, seppur in tono minore vistala difficoltà di spostarsi per visitare il presepe. Abbiamo anche ridotto la superficie per non intralciare i lavori che stanno iniziando in questi giorni per il restauro e il miglioramento sismico della copertura e delle pareti della navata centrale e dell’abside della chiesa”.

Il presepe così realizzato rappresenta la natività posta in una grotta con ai lati, oltre alle classiche presenze dei pastori, alcuni personaggi che arrivano da tutte le parti del mondo.

Il presepe in chiesa si affianca a quello realizzato quest’anno anche all’esterno della chiesa di San Giorgio in Salici.

Un bel messaggio di speranza e di comunità che viene fatto risaltare anche in questi terribili giorni di pandemia.

Giulio Braggio
Abita a San Giorgio dalla nascita (14 marzo 1960). Sposato con Paola, è attivo da sempre nel mondo del volontariato. Ha fatto anche un’esperienza politica a livello locale come Consigliere comunale dal 1990 al 1998. Da una decina d’anni lavora nel sindacato Cisl. E’ appassionato di fotografia, informatica, automobilismo e amante dei cani. Collabora con il Baco da Seta dal 2002.