Si chiama “Volente o Nolente” il nuovo singolo di Ligabue che fa seguito al “La ragazza dei tuoi sogni”, singolo apripista con felice mordente del nuovo disco del Liga che si intitolerà “7” e uscirà il prossimo 4 Dicembre.

In questa nuova canzone il Luciano Nazionale chiama alla corte la sua vecchia conoscenza Elisa, già ingaggiata in precedenza a duettare in brani rimasti memorabili quali “A modo tuo” e “Gli Ostacoli del Cuore”.

Quando si fanno i confronti con brani di successo, la tendenza è quella di essere subito perdenti. E “Volente o Nolente” non pare sfuggire a questa regola.

Il brano suona facile, ovvero sa di quelli che restano in testa grazie alla ripetizione spasmodica del ritornello. Liga fa il Liga nell’inciso, centrando la frase “dipendesse da me il telefono suonerebbe sempre notizie belle” e la brava cantante friulana lo incalza nel più classico dei duetti dove il mestiere dei due artisti supera di gran lunga la scontatezza di un brano che, anche nel testo, più degli slogan già citati lascia la sensazione del classico prodotto a tavolino costruito per fare centro.

E’ insomma una buona torta, costruita con ingredienti popolari, uova farina e il buon cioccolato che non guasta mai, ma è la solita ricetta in cui i cuochi sono i Maestri che si sono messi ai fornelli, ma alla fine sfoderano qualcosa che non può non piacere come la torta Margherita delle scatole preparate delle note case dolciarie con cui si prepara un dolce quando viene qualcuno e vuoi fare qualcosa che non sia rischioso, facile da preparare e abbia una buona probabilità di piacere a tutti.

Curiosità importante, la voce di Elisa che sentite nel pezzo è stata registrata ben 15 anni fa, quando Ligabue le fece provinare il pezzo che allora fu lanciato “Gli Ostacoli del Cuore”. All’epoca, dunque, questo nuovo singolo venne scartato. E oggi viene ripescate: cose che succedono, e non certo di rado, nel mondo della Musica.

Per quanto riguarda il significato della canzone, “Volente o Nolente” è il dialogo tra due persone che si scambiano i loro desideri più puri e si raccontano ciò che la propria anima serba nel profondo. Un messaggio profondo di positività e buon auspicio per le cose belle.

Aspettiamo l’uscita dell’intero lavoro per poterci fare una idea della direzione seguita dal rocker di Correggio.

Lui resta una delle icone più importanti della nostra Musica e merita il massimo rispetto ma, attenzione, caro Luciano perché “Volente o Nolente” è proprio la botola della ripetitività: il maggior pericolo delle tue produzioni.

La musica va avanti, non indietro, e non basta aver fatto Campovolo e aver riempito stadi e grandi spazi per conquistare un trono non abdicabile. In fondo, a gennaio uscirà anche il nuovo disco di Vasco Rossi: sarà una sfida nella sfida per cui la contemporanea presenza sul mercato discografico potrebbe impietosamente dimostrare che è difficile mantenere una poltrona per due.