“La Memoria ritrovata”, le medie di Sona incontrano i nonni in Casa di Riposo

Esperienza memorabile quella vissuta da due classi seconde della Scuola secondaria di primo grado di Sona, che il 21 marzo scorso hanno festeggiato l’arrivo della primavera con gli ospiti della Casa di Riposo “Oasi Gino ed Enrica” di Settimo di Pescantina.

Gli alunni, come riferiscono direttamente dall’Istituto Comprensivo di Sona, hanno cantato e suonato per gli anziani e offerto piccoli doni preparati a scuola, trasmettendo grande gioia a tutti i presenti.

L’incontro è stato il coronamento del progetto “La Memoria ritrovata”, offerto dall’Istituto scolastico con la finalità di educare all’ascolto e al confronto, di valorizzare le differenze e ricercare le affinità, di diventare consapevoli delle possibilità e dei limiti, di percepire, attraverso il contatto diretto, il valore delle persone e comprendere che ogni incontro è occasione di arricchimento reciproco.

Abbiamo imparato che ascoltare le persone anziane è utile – hanno ammesso i ragazzi e le ragazze – e siamo contenti di essere riusciti a trasmettere loro le nostre emozioni e i nostri sentimenti.

Le attività sono iniziate fin dai primi giorni di scuola, non solo in ambito musicale e artistico. I ragazzi sono stati guidati nel superare stereotipi e pregiudizi che connotano l’immagine della vecchiaia, anche attraverso interviste che hanno dato l’occasione di chiacchierare a lungo con nonni talvolta lontani e di scambiare competenze.