La magia del concerto dei musicisti di Palazzolo alla Pieve di Santa Giustina

Per la prima volta gli artisti musicali di Palazzolo si sono esibiti insieme in un concerto ospitato nella Pieve di S. Giustina sabato sedici aprile.

Con il veterano del basso tuba Gianluigi Tinelli, vicepresidente del Corpo bandistico di Sona, che insieme all’Associazione La Torre ha organizzato l’evento, c’erano: ai tromboni Maria e Andrea Pachera, ai clarinetti Valentina Sommacampagna e Francesco Lineri, al violino Giorgia Bosoni, al flauto Davide Lineri, al piano Rossana De Paoli.

Al concerto ha partecipato anche il giovane e già affermato cantante Gabriele Polledri che con la sua potente voce si esibisce in varie occasioni col suo gruppo e ha diversi brani su Youtube.

Nelle foto alcuni momenti del concerto. Sopra nella foto grande da sinistra Davide Lineri, Francesco Lineri, Valentina Sommacampagna, Andrea Pachera, Maria Pachera, Gianluigi Tinelli, Rossana De Paoli. In basso Gabriele Polledri e Giorgia Bosoni.

Erano presenti il parroco don Angelo Bellesini, il neo assessore Elena Catalano, l’ex assessore Luigi Forante, il direttore, ormai da trent’anni, del corpo bandistico di Sona Fabrizio Olioso.

I musicisti si sono impegnati in quindici pezzi, presentati dalla voce suadente di Flavio Dall’Ora ottenendo il grande apprezzamento del numeroso pubblico.

Alla fine a ogni artista è stata consegnata una pergamena per ricordare lo speciale evento con queste parole: “La comunità ti ringrazia per aver partecipato a questo concerto presso la Pieve di Santa Giustina in Palazzolo, occasione per unirsi, esprimersi e comunicare attraverso la musica”.

Abbiamo chiesto un pensiero sulla serata a Elena Catalano, nominata di recente assessore del Comune di Sona.

“Un sabato sera diverso quello del 16 aprile 2016, all’insegna della buona musica. E non in discoteca, né all’aperto. Ma alla Pieve di S. Giustina a Palazzolo fra affreschi e reperti marmorei di epoca romana e longobarda. Un concerto di giovani talenti, cresciuti sulle colline moreniche fra olivi e viti del Garda, ha allietato il pubblico con una variegata scaletta di brani. Gli esecutori invitati dall’Associazione Culturale La Torre, molti ancora studenti, altri di comprovata esperienza sul campo, hanno mostrato a tutti di cosa sono capaci e quanta importanza la musica rivesta per loro. Divertirsi, stare insieme, condividere è semplice se legati da passione comune. E anche gli umani timori del confronto svaniscono. Clarinetti, flauti, tromboni e tuba sono in bella vista davanti al fonte battesimale. Violino, solista e pianoforte, a lato, poco distanti. Le note di Francesco, Valentina, Davide, Maria, Andrea, Giorgia, Gianluigi, Rossana conquistano la platea, e ancora la voce straordinaria e penetrante di Gabriele lascia noi tutti senza fiato! Si rende merito ai Queen, a L. Dalla, J.Offenbach, A. Curci, J.Clarke, J. Bach.

Mi piace pensare – spiega l’Assessore Catalano – che l’attivazione dei talenti, il loro mettersi in gioco sia il primo obiettivo per costruire il futuro, partendo proprio da sé. I giovani hanno le competenze e il desiderio di realizzarsi. Bisogna guidarli e offrire loro opportunità. Il Corpo Bandistico di Sona, a cui appartengono molti dei ragazzi che abbiamo ascoltato, nel suo ruolo e nelle sue finalità accompagna e incentiva molti di loro. Imparare, studiare diventa quindi occasione per unirsi, esprimersi e comunicare anche attraverso la musica. Bob Dylan ha detto ‘il bello della musica è che quando ti colpisce non provi dolore’. Anzi, usciti dalla Pieve di S. Giustina, eravamo tutti soddisfatti e sorridenti”.

Nei VIDEO qui sotto alcuni momenti del concerto.

Articolo precedenteLo Tzigano di Lugagnano in visita al carcere di Montorio, assieme al Papà del Gnoco
Articolo successivoLugagnano: domenica torna il “Palpeta Day”, con gara di baccalino
Vive a Palazzolo dalla nascita (10.9.1939). Laureato in Scienze Agrarie a Bologna, ha una moglie e due figlie. Ha operato nell’Amministrazione comunale di Sona per vent’anni, dapprima Consigliere, poi Assessore e infine Vicesindaco. Appassionato di scienze, natura, tradizioni e storia locale, raccoglie fotografie di persone di Palazzolo e redige alberi genealogici. Ha partecipato alla stesura delle pubblicazioni “Sona, appunti di storia”, “Lugagnano, Palazzolo, S. Giorgio, Sona” , volumi primo e secondo. Fa parte dell’Associazione La Torre di Palazzolo e del Gruppo di Ricerca per la Storia Locale della Biblioteca comunale. Nel 2006 ha iniziato la collaborazione con il Baco da Seta.