La lettera. “Bella l’idea delle cabine per il bookcrossing a Sona, ma prima serve una drop box presso la Biblioteca comunale”

La Lettera

Buongiorno,

apprendo dalla vostra App (scusate il gioco di parole) di come il Comune di Sona si appresti a dare nuova vita alle proprie cabine telefoniche, ormai obsolete ed in disuso.

Sono a chiedervi di farvi tramite presso l’Assessore Bianco affinché una di queste, o una oltre a queste, venga destinata quale drop box alla riconsegna dei libri h24, anche cioè a biblioteca e sale lettura chiuse; come già del resto avviene in altre realtà.

Da frequentatore della biblioteca Maggi ho discusso più volte dell’argomento con le (gentilissime) addette, le quali hanno sempre lamentato una mancanza di fondi da parte dell’amministrazione comunale per comperare una drop box.

L’utilità di una drop box è evidente, ancor più in una giornata di intensa pioggia come quella di oggi in cui scrivo, e alla luce del fatto che non più tardi di lunedì mattina io stesso abbia trovato un libro abbandonato fuori la sala lettura di Lugagnano, alla mercé di chiunque e qualunque, e di cui allego foto (sopra).

Germano Bissoli