Sona: la fossa per la bara non c’è

Corteo funebre arriva al cimitero, ma non può seppellire il defunto perché non è stata scavata la fossa. È successo a Sona, venerdì pomeriggio. La salma benedetta di Domenico Fornasiero è stata depositata per la notte nella chiesetta del campo santo, fino a ieri mattina, quando è stata finalmente sepolta. A segnalare il fatto, il signor Menegardo, titolare dell’agenzia di onoranze funebri di via Marconi, a Sona: «Arrivati là, non c’era nessuno», racconta, «nemmeno la buca in cui calare la bara».

 

Un fatto davvero singolare. «Abbiamo attuato i relativi accertamenti e le dovute verifiche», aggiunge, «e ne è emerso che il Comune non ha colpa, i documenti erano compilati correttamente». L’errore, secondo quanto riferito, è da imputarsi alla cooperativa incaricata della mansione, che aveva predisposto la sepoltura nel cimitero di Lugagnano, paese in cui viveva Fornasiero e in cui è stato celebrato il funerale. Contattati dall’agenzia funebre, i funzionari della cooperativa si sono immediatamente recati a Sona, dove il corteo con la bara li attendeva, per scusarsi del malinteso.

 

«Io all’inizio non me n’ero neanche accorta», ha raccontato Mariarosa Bottini, cognata del defunto, «quando ce l’hanno fatto notare non riuscivo a crederci. Sono rimasta senza parole. È stato un colpo durissimo, queste cose non devono succedere». «Quando sono arrivati», ha aggiunto, «ci hanno spiegato che è stato un errore e si sono scusati tanto. Ieri mattina, poi, hanno ribadito il loro dispiacere per l’accaduto».

 

I responsabili del fatto non si sono limitati alle parole, ma hanno sollevato la famiglia dal pagamento delle spese. «È stato un modo per risarcirci del danno provocato», ha spiegato la signora Bottini, «è vero che hanno sbagliato, ma hanno anche riparato».

 

Perplesso anche don Roberto, parroco di Lugagnano. «Una cosa del genere non mi era mai capitata», ha affermato, «ma lì per lì non mi sono sentito di dare alcun giudizio, non conoscendo le motivazioni dell’accaduto. Quando me ne sono andato, dopo aver impartito la benedizione, i familiari stavano ancora aspettando che qualcuno della cooperativa arrivasse per dar loro le dovute spiegazioni».

 

Quando le hanno ricevute, dopo lo sconcerto iniziale, i familiari si sono calmati, hanno accettato le scuse, e hanno atteso che la salma del loro caro venisse sepolta il giorno dopo. «Da parte mia non c’è alcun risentimento nei confronti dei ragazzi della cooperativa», conclude Orlando Fornasiero, fratello del defunto, «è stato un disguido, non vale la pena sollevare una questione sull’accaduto. Mi hanno chiesto scusa in mille modi. A noi basta questo, ci siamo già chiariti». La famiglia è certa che si sia trattato di un errore accidentale, di cui si è sentita immediatamente «risarcita». Ora Domenico Fornasiero riposa in pace nel cimitero di Sona, come voluto dai suoi cari, che hanno lasciato intendere chiaramente che, per loro, ogni polemica ulteriore è puramente superflua.