La cometa del Natale nei gesti di ogni giorno e gli auguri del Baco

Ascolta questo articolo

“È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano”. Comincia così una celebre poesia di Madre Teresa di Calcutta, che ci ricorda come lo spirito natalizio possa accompagnare ogni giorno della nostra vita.

Anche quando non luccica con le decorazioni dell’albero illuminato e non abbonda con le pietanze della tavola imbandita. Se è vero che il Natale diventa concreto ogni volta che si traduce nella gratuità di un gesto pensato e agito a favore dell’altro, allora possiamo quantomeno dire che quest’anno a Sona il Natale è arrivato in anticipo.

Ed è arrivato quando la solidarietà di tanti cittadini ha annullato gli oltre cinquecento chilometri che separano Sona da Fonte del Campo, dissolvendoli in una catena di mani intrecciate che hanno saputo portare il calore di un legame laddove dimorava il freddo della paura.

E così è successa la più bella delle magie natalizie: quella che si verifica quando i cuori aperti e le mani protese sanno accorciare le distanze, fino a farle venire meno.

Fonte del Campo è una frazione del Comune di Accumoli, fortemente colpita dal terremoto del Centro Italia. Le sue strutture sociali verranno ricostruite anche grazie al sostegno e al contributo della comunità sonese.

Nel successo contagioso di questa iniziativa di solidarietà c’è qualcosa di profondamente natalizio: la capacità di credere nel miracolo di un’umanità che nel bene può dimostrare la sua invincibile grandezza. Anche solo con un sorriso e con una mano tesa, come suggerisce Madre Teresa.

Il Natale quest’anno arriva nel bel mezzo di un’attualità drammatica, che impone al nostro sguardo e al nostro orecchio di non chiudersi nella cecità e nella sordità dell’indifferenza.

È davanti alla fragilità di chi vive situazioni di sofferenza e di difficoltà che la nostra umanità è chiamata a rivelarsi, dispiegando l’invincibile potere di ogni piccolo gesto di bene.

Il bene è potente perché, proprio come la cometa del Natale, lascia dietro di sé la sua meravigliosa coda di luce. E ogni coda di luce generata da una scintilla di bene può fare da guida a chi sa camminare sul sentiero del Natale, non solo oggi ma ogni giorno.

Buon Natale, dunque. Per ogni volta in cui lo spirito natalizio lo abbiamo vissuto e lo vivremo nella quotidianità di gesti luminosi come comete.