Invecchiare bene si può. A Sona un percorso di tre incontri sull’invecchiamento, dal 25 gennaio

Dal 25 gennaio, presso la Sala del Consiglio di Sona, l’Osservatorio Culturale, Sociale ed Educativo del Comune di Sona, assieme agli Assessorati alla Cultura, alla Scuola e al Sociale, propone un percorso di tre incontri gratuiti e aperti a tutti sull’invecchiamento tenuto dalle psicologhe Barbara Vischio e Silvia Granuzzo.

Invecchiare vuol dire vivere un’età diversa con attenzioni ma anche con opportunità – spiegano l’Assessore alla Cultura Gianmichele Bianco e il Vice Sindaco con delega al Sociale Simone Caltagirone – . Si tratta di capire meglio quel periodo sotto tutti i punti di vista. Non solo per sé stessi ma anche per i familiari che possono comprendere meglio le diverse scelte esistenti. Il Comune e il territorio danno molto: talvolta serve solo far conoscere i servizi.

Si inizia mercoledì 25 gennaio alle 20.30 con il tema “Invecchiare con successo di può”. Il processo di invecchiamento è un fenomeno naturale e non una malattia. Esistono modalità diverse attraverso cui vivere la terza età: accettare il passare del tempo come uno “sfiorire di primavere”, oppure cogliere l’occasione per potenziare le proprie abilità, coltivare nuovi interessi e ampliare la propria rete sociale. Quali nuovi percorsi non ancora esplorati possiamo intraprendere per invecchiare con successo?

Seconda serata mercoledì 8 febbraio, sempre alle 20.30 sul tema “Quando l’invecchiamento è accompagnato da Alzheimer, Parkinson, demenza”. L’aumento progressivo del numero di persone con Alzheimer, Parkinson, demenza (si stima più di un milione di casi in Italia) costituisce un’emergenza sociale e sanitaria. Conoscere le diverse forme di malattia e le loro manifestazioni patologiche, permette una tempestiva presa in carico e la messa in atto di efficaci percorsi assistenziali. Nel corso della serata, inoltre, verrà illustrata la realtà del nostro territorio.

Terza serata mercoledì 22 febbraio con il tema “Alzheimer, Parkinson, demenza in famiglia: quali possibilità sul territorio?”. Nelle situazioni in cui il processo di invecchiamento è accompagnato da patologia, il carico assistenziale dei familiari può diventare tale da logorare la loro efficacia fisica e psicologica. Le difficoltà gestionali e i cambiamenti quotidiani che la malattia inevitabilmente comporta hanno, infatti, un forte impatto negativo sugli equilibri personali, familiari e relazionali. Da qui l’importanza di ricercare aiuto e supporto adeguati per contrastare la solitudine nel percorso di assistenza.