Inaugurata la mostra delle pesche: stagione buona ma prospettive difficili per gli agricoltori

Presso il mercato peschicolo di Sommacampagna e Sona si è tenuta domenica 16 agosto l’annuale Mostra delle Pesche.

Hanno introdotto l’inaugurazione il Direttore Vincenzi, il Vicesindaco locale Allegri ed il Sindaco di Sona Mazzi.

Se l’anno scorso è stato per il settore un anno disastroso per la grandine, le malattie e i prezzi, quest’anno c’è stata una produzione di ottima qualità ma prezzi non remunerativi, al di sotto dei costi di produzione. Di questo passo questa gloriosa coltura è destinata a ridimensionarsi ulteriormente se non a chiudere.

Sono intervenuti all’evento tecnici della Provincia, che però sta chiudendo l’Istituto di Frutticoltura e la sperimentazione abbandonando a se stessi gli agricoltori.

La Regione Veneto, che potrebbe unificare i vari istituti provinciali di ricerca, non da segni di vita.

Altri tecnici del settore hanno illustrato le caratteristiche delle nuove varietà di pesche nelle varianti pasta bianca e gialla, con o senza pelo. Anche i tecnici dei vivaisti hanno illustrato le caratteristiche di decine di varietà, anche di albicocche, susine e Kiwi.

Non è certo facile per gli agricoltori orientarsi e investire su una o sull’altra cultivar senza sapere come risponderà il mercato, spesso devono provare sulla propria pelle.

E’ stato apprezzata l’iniziativa dei Comuni con “La pesca in tavola” per diffonderne i vari impieghi nei ristoranti e l’interessamento e i finanziamenti per tenere in vita il mercato. Per rivitalizzare il settore e combattere con la concorrenza straniera ci vorranno iniziative forti: diversificare le colture, aumentare la ricerca, unificare e ticipizzare la produzione, concentrare l’offerta per avere qualche potere contrattuale nei confronti della Grande Distribuzione, ma non si sa se tutto questo sarà possibile o sufficiente.

Tanti auguri ai nostri agricoltori che stanno soffrendo anche per moria del Kiwi, una vera calamità che ha distrutto le piantagioni e che finora non è stata riconosciuta dalla Regione e dallo Stato.

.

.

Luigi Tacconi
Nato a Palazzolo il 10 settembre 1939, è scomparso l'11 gennaio 2022. Laureato in Scienze Agrarie, ha operato nell’Amministrazione comunale di Sona per vent’anni, come consigliere, assessore e vicesindaco. Ha partecipato alla stesura dei tre volumi storici del Baco sulla storia di Sona, oltre a scrivere innumerevoli articoli sulla storia locale.