In 850 alla Magnalonga di Lugagnano (nonostante la pioggia)

Domenica 14 settembre a Lugagnano si è tenuta la quinta Magnalonga, la camminata enogastronomica tra le contrade e i campi del paese. Il tempo non ha certo dato una mano all’evento, dando un anticipo di autunno, con pioggia battente sino alle 14 del pomeriggio.

Ciononostante dei mille iscritti, in più di 850 (tra i quali anche dei partecipanti che arrivavano sin da Riccione) si son ritrovati sin dalle 11 di domenica mattina assieme ad oltre 200 bambini, per percorrere alla spicciolata gli otto km e le tredici fermate culinarie del percorso.

Impavidi, con ombrelli, stivali e tanta voglia di divertirsi, dribblando le pozzanghere i molti convenuti non hanno saputo rinunciare a godersi gli antipasti con le buonissime bruschette, il grana a scaglie e la “bondola” per finire con polenta con luccio, i primi piatti con i tortellini al burro fuso e minestrone, i secondi piatti con polenta e sgombro, roast beef, crostini ai funghi di stagione, pastissada de caval e per concludere con il gelato e caffè.

E accanto a questo ricco menù preparato con molta cura e passione, c’è stata, come sempre, l’enorme simpatia di tutti gli organizzatori e delle associazioni, che ancora una volta hanno saputo dimostrarsi più forti di situazioni che non le vedono decisamente favorite e stavolta persino del tempo, al punto che dopo qualche ora anche il cielo, da plumbeo e carico di pioggia qual’era, si è schiarito per lasciar posto prima ad un timido sole e poi ad un finale di pomeriggio degno della bella festa per tutti che rappresenta la Magnalonga di Lugagnano.

Sul prossimo numero del Baco troverete cronaca e curiosità di questa bella giornata di comunità, oltre ad un ampio album fotografico.