Il SOS Sona si presenta ai cittadini. Il Presidente Cordioli: “Cerchiamo volontari”

Mercoledì 20 settembre alle ore 20.45, presso la Sala Civica “Carcereri” in Piazza della Vittoria a Sona, SOS SONA presenta alla popolazione i servizi di assistenza che l’associazione offre alla Comunità.

L’offerta di volontariato attivo è rivolta a persone di tutte le età che sono alla ricerca di opportunità per donare il proprio tempo e le proprie competenze al bene comune. SOS eroga sostanzialmente tre tipi di servizio: soccorso sanitario, protezione civile e trasporti sociali.

Il presidente dell’associazione Giordano Cordioli (nella foto di Mario Pachera) afferma: “È nostra intenzione ‘aprire le porte di casa’ per far conoscere ai cittadini la nostra realtà. Sarà una serata conoscitiva in cui risponderemo ad eventuali quesiti e curiosità che ci verranno posti. Ricerchiamo volontari in ciascuna delle tre aree di nostra competenza, per cui alla serata di presentazione saremo il più generalisti possibile in modo da dare la possibilità, a tutti i presenti, di farsi un’idea di quale potrebbe essere l’ambito in cui si potrebbero impegnare. Da li in poi ogni area svilupperà un suo iter di promozione e reclutamento”.

Di sicuro è già stato organizzato e programmato un corso per soccorritori di ambulanza in partenza il 25 settembre. L’iniziativa gode del patrocinio dei Comuni di Sona, Sommacampagna, Bussolengo e Castelnuovo del Garda. Nelle bacheche pubbliche sul territorio sono già esposti manifesti divulgativi. Il Baco da Seta è media partner.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’associazione telefonando allo 045.6081330 dal lunedì al venerdì dalle 09.30 alle 14.00 o via mail all’indirizzo segreteria@sos-sona.it.

Alfredo Cottini
Sono nato a Bussolengo l'8 ottobre 1966. Risiedo a Lugagnano sin dalla nascita, ho un figlio. Sono libero professionista nel settore della consulenza informatica. Il volontariato è la mia passione. Faccio parte da 30 anni nell'associazione Servizio Operativo Sanitario, di cui sono stato presidente e vicepresidente. Per diversi anni sono stato consigliere della Pro Loco di Sona. Amo il mio cappello da Alpino per quello che rappresenta. Ritengo che la solidarietà, insita nell’opera del volontario, sia un valore che vale la pena vivere ed agire. Si riceve più di quello che si dà. Considero la cooperazione tra le organizzazioni di volontariato di un territorio uno strumento utile per amplificare il valore dei servizi, erogati da ognuna di esse, al cittadino