Il SOS di Sona raggiunge l’obiettivo della nuova ambulanza, grazie alla collaborazione di tutti. Domenica l’inaugurazione

Domenica 2 dicembre 2018: una data da ricordare nella ormai trentennale e gloriosa storia del SOS di Sona.

Si inaugurano, infatti, una nuova ambulanza, un camion e un NASPO, un sistema di estinzione degli incendi, in dotazione alla Squadra Tecnica antincendio.

“Si tratta di un traguardo importante – spiega il Presidente del SOS Pierluigi Briggi -, frutto di un grande lavoro di squadra che coinvolge, oltre ai soci dell’associazione, anche tutta la comunità”.

Il progetto di raccolta fondi #unaambulanzaperilsos è partito a giugno del 2017 e nell’arco di quindici mesi ha permesso, infatti, di raggiungere la completa copertura finanziaria per l’acquisto della nuova ambulanza. Un successo straordinario.

NASPO e camion sono stati acquistati con fondi propri dell’associazione, derivanti anche dai rimborsi per numerosi servizi di assistenza ad eventi del territorio effettuati in estate. Se a questo aggiungiamo anche che è stato acquistato un nuovo monitor multiparametrico per il servizio di emergenza-urgenza medicalizzata, l’investimento complessivo in beni strumentali ed attrezzature supera i addirittura i 120mila euro. Beni del SOS, ma impiegati a favore della comunità.

Straordinaria la risposta di sostegno da parte di istituti di credito, fondazioni, enti pubblici, aziende associazioni e singoli cittadini.

La giornata di domenica, che si svolge a Palazzolo, prevede alle 10.30 la Messa celebrata presso la chiesa della frazione e, a seguire, la cerimonia di inaugurazione dei nuovi mezzi. A chiudere il pranzo per i soci e per i tanti sostenitori del progetto.

Il Baco da Seta è media partner dell’evento e sul prossimo numero della nostra rivista, in edicola da sabato 15 dicembre e assolutamente imperdibile, troverete un ampio servizio su questa inaugurazione.

Alfredo Cottini
Sono nato a Bussolengo l'8 ottobre 1966. Risiedo a Lugagnano sin dalla nascita, ho un figlio. Sono libero professionista nel settore della consulenza informatica. Il volontariato è la mia passione. Faccio parte da 30 anni nell'associazione Servizio Operativo Sanitario, di cui sono stato presidente e vicepresidente. Per diversi anni sono stato consigliere della Pro Loco di Sona. Amo il mio cappello da Alpino per quello che rappresenta. Ritengo che la solidarietà, insita nell’opera del volontario, sia un valore che vale la pena vivere ed agire. Si riceve più di quello che si dà. Considero la cooperazione tra le organizzazioni di volontariato di un territorio uno strumento utile per amplificare il valore dei servizi, erogati da ognuna di esse, al cittadino