“Il Sorriso di Alice”, un appuntamento importante che ha ricordato a tutti il valore della donazione

Anche quest’anno, domenica 3 dicembre, si è tenuto l’appuntamento con “Il Sorriso di Alice”, la terza edizione dell’evento.

Si tratta di un pranzo di beneficenza in memoria di Alice Belloni di Lugagnano, scomparsa il 2 ottobre 2017, il cui ricavato viene devoluto per sostenere la ricerca sulla fibrosi cistica.

Questa edizione, però, non si è svolta come le precedenti al tendone del tennis di Lugagnano, bensì presso il mercato ortofrutticolo di Sommacampagna, dove la scorsa estate si era già tenuto il Sona Food&Wine festival.

Il pranzo è iniziato per le 12.30 e comprendeva un antipasto di salumi vari, due primi, tra cui il risotto ai funghi e il pasticcio al ragù, e il classico secondo veronese che ha sempre caratterizzato questo appuntamento: il lesso con la pearà. Come dolce, invece, una grande e bellissima torta di pan di spagna e crema, che riportava il viso sorridente di Alice.

Durante la giornata di festa e memoria, sono stati consegnati i biglietti per la lotteria, che si è svolta alla fine del pranzo e che comprendeva svariati premi. Il tutto accompagnato dalla trascinante musica live dei mitici “Capelli diversi”.

Dopo il pranzo, si è tenuto il momento fondamentale della giornata, ovvero quello delle toccanti testimonianze di Roberto e Orietta, genitori di Alice, che hanno spiegato, oltre alla loro esperienza con la malattia della figlia, il valore del donare e ricevere: cosa significhi ottenere la possibilità di avere vita e di dare vita attraverso la donazione, e di quanto sia importante coltivare sempre la speranza.

Al pranzo hanno partecipato in tantissimi cittadini di Lugagnano ed oltre, tra cui molti giovani, il Sindaco di Sona Mazzi, i due Coparroci di Lugagnano don Antonio Sona e don Pietro Pasqualotto ed il Presidente regionale della LIFC Lega Italiana Fibrosi Cistica Eugenio Bertolotti.

Come per le precedenti edizioni, quello di domenica 3 dicembre è stato un appuntamento importante per ricordare Alice, per unirsi alla sua famiglia e per celebrare il valore assoluto della donazione.

Le foto del servizio sono di Gaetano Fattori.

.

Articolo precedenteNiente Ossi de porco a Sona venerdì 8 dicembre, causa possibile maltempo
Articolo successivoVenerdì pomeriggio famiglie a teatro a Sona con Buonanotte Sognatori
Sono nata nel 1995 e risiedo a Lugagnano, vivo con i miei genitori e mia sorella. Ho conseguito il diploma in perito turistico presso l'istituto tecnico "Marco Polo" nel 2014 e mi sono laureata in lingue moderne per l'intermediazione turistica e d'impresa all'Università di Trento nel 2018. Attualmente lavoro come addetta alla reception in un'azienda tessile in provincia di Verona. Nel tempo libero mi piace interessarmi di eventi culturali, e, particolarmente, di arte.