Il Questionario del Baco: Risponde Loris Banterla, edicolante di Mancalacqua con la passione per la politica

Prosegue la rubrica “Il Questionario del Baco” con la quale andiamo a conoscere in maniera leggera e scherzosa alcuni nostri concittadini. Si tratta di una serie di domande, sulla scorta del celebre “Questionario di Proust”, volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Malgrado la denominazione possa indurre a pensare che sia stato creato da Marcel Proust, il grande scrittore francese si limitò a fornire le proprie risposte

Oggi risponde al questionario Loris Banterla (nella foto di Mario Pachera). Nato nel 1965 a Bussolengo, dove tuttora vive con la moglie Paola e i figli Matteo e Francesco. Gestisce con la moglie l’edicola Mancalacqua a Lugagnano. Racconta che l’edicola era il sogno della vita, essendo un grande lettore fin da bambino. Altri hobby sono le camminate e il tennis, oltre alla politica.

Il tratto principale del suo carattere?
La riflessività.
La qualità che preferisce in un uomo?
Il rispetto della parola data.
La qualità che preferisce in una donna?
L’affettività.
Quel che apprezza di più nei suoi amici?
Quando mi sanno capire.
Il suo principale difetto?
La pigrizia.
Il suo sogno di felicità?
Vivere ed amarsi con la propria famiglia.
Quale sarebbe la più grande disgrazia?
Perdere un figlio.
La nazione dove vorrebbe vivere?
Italia.
Il colore che preferisce?
Il verde della natura.
La bevanda preferita?
La birra.
Il piatto preferito?
La pizza.
I suoi eroi nella vita reale?
Papa Francesco e i grandi santi della chiesa.
La sua canzone preferita?
“Ho difeso il mio amore” dei Nomadi.
Il suo libro preferito?
Tutti i romanzi gialli del commissario Maigret.
Il giorno più importante della sua vita?
Il 25 aprile 1998, data del mio matrimonio.
Quel che detesta più di tutto?
L’ipocrisia, anche se io stesso l’ho usata in passato.
In che città vorrebbe vivere?
Roma caput mundi (centro del mondo).
Cosa le piace di più di Sona?
La gente ed i luoghi incantevoli delle colline.
Cosa le piace di meno di Sona?
Manca una piazza degna di questo nome.
Il personaggio storico che disprezza di più?
Adolf Hitler.
Il dono di natura che vorrebbe avere?
L’espansività.
Come vorrebbe morire?
Di una morte senza dolore, quindi nel sonno.
Stato attuale del suo animo?
Semi contento, ma la natura umana è così.
Le colpe che le spirano maggiore indulgenza?
I peccati sessuali, purché siano privi di violenza.
Il suo motto?
Non è mai la realtà a farci soffrire, ma il modo in cui la raccontiamo (James Hillman).

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE RISPOSTE DATE AL NOSTRO QUESTIONARIO.

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews