Il Presidente Mattarella all’Università di Verona: presenti anche l’Assessore alla Cultura di Sona e molti nostri studenti

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Verona. (foto di Francesco Ammendola, ufficio stampa Presidenza della Repubblica)
Ascolta questo articolo

Questa mattina si è tenuta, all’Università di Verona, l’Inaugurazione dell’Anno Accademico alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Anche la comunità di Sona è stata coinvolta nell’evento, soprattutto per il grande numero di giovani del territorio iscritti all’Ateneo veronese, che hanno potuto seguire i vari momenti della cerimonia sia partecipando di persona sia in live streaming.

Alla manifestazione, inoltre, era presente anche l’Assessore alla cultura del Comune di Sona Gianmichele Bianco, che è anche dirigente dell’Università

“Un mese e mezzo di lavoro e di sicurezza per prepararci alla graditissima visita del Presidente Mattarella all’inaugurazione dell’Università di Verona – racconta al Baco l’Assessore Bianco -. Come Dirigente della Direzione Informatica ho coordinato il gruppo di bravissimi collaboratori dedicati. Quell’ora dell’inaugurazione è stata un’ora tesa per me, ma anche è stato stupendo ascoltare il Presidente. Un’esperienza organizzativa ed emotiva unica”

Il coro delle voci bianche. Sopra, il Presidente in Università a Verona

La cerimonia si è aperta con il coro di voci bianche dell’Accademia Lirica di Verona, seguito dall’intervento del Rettore Nicola Sartor.

A prendere la parola, poi, è stato il Capo dello Stato. Diffondere la cultura e portarla ovunque: ecco il caposaldo di un’istituzione che svolge pienamente il suo compito. “La cultura e la ricerca producono ragionamento critico, ed è grazie a questo che si formano individui capaci di pensare”.

Infine, ha concluso il Presidente Mattarella, “ringrazio gli Atenei per quello che fanno e rivolgo il mio augurio agli studenti, perché il loro futuro, che è nelle loro mani, consenta al nostro Paese progressi sempre più ampi”.