Il presepe di San Giorgio in Salici, una tradizione che si rinnova

Anche quest’anno la comunità di San Giorgio in Salici può ammirare il presepe allestito all’interno della chiesa parrocchiale.

La sua realizzazione è opera di Giordano Gaiardoni, che ormai da molti anni cura l’allestimento della natività.

“Ho voluto ricreare l’atmosfera tradizionale della Palestina con le varie attività che si svolgono nella piazza del villaggio di Betlemme – ci racconta Giordano -. Ho costruito e vestito tutti i personaggi e ho aggiunto anche parecchi movimenti per rendere più vivo questo presepe: il fornaio con la pala, il classico vasaio, la vecchina che mescola nel paiolo la polenta, i pescatori con le canne, il pescivendolo che affetta un tonno, il molino e le varie fontanelle”.

E’ un presepe molto tradizionale che ha impegnato Giordano Gaiardoni per ben quattro mesi nella preparazione dei personaggi, degli edifici e del paesaggio.

Un invito quindi ad andare ad ammirare la bellezza di questo presepe, reso ancor più interessante dalla vividezza delle scene, fra tutte quella del venditore di tappeti.

Le foto del servizio sono di Mario Pachera.

Articolo precedenteCovid. Lunedì 20 dicembre a Sona 7 positivi in meno. In Veneto aumentano i ricoveri
Articolo successivoL’ingegner Noè, la predestinazione ed il vicesindaco di Sona nel 2022
Abita a San Giorgio dalla nascita (14 marzo 1960). Sposato con Paola, è attivo da sempre nel mondo del volontariato. Ha fatto anche un’esperienza politica a livello locale come Consigliere comunale dal 1990 al 1998. Da una decina d’anni lavora nel sindacato Cisl. E’ appassionato di fotografia, informatica, automobilismo e amante dei cani. Collabora con il Baco da Seta dal 2002.