“Il mondo tra le mani”: Venerdì il lancio del progetto che vuole aiutare i giovani nel percorso formativo e professionale

Mag Servizi con i partner Centro Servizi Cisl, Coop. Soc. La Genovesa, Coop. Soc. Multiforme Onlus, Associazione Nissa, Associazione Fuoriscala, Verona Fablab Impresa sociale, SFP Casa Nazareth, Associazione Alke e Mag Mutua per l’autogestione Soc. Coop. hanno avviato il progetto, finanziato dalla Regione Veneto, “Il mondo tra le mani: spazi di creatività e di responsabilità”, sulla base del bando a valere sul PR FSE+ 21-27 di Regione Veneto, DGR 729-2023 “Giovani Energie “, che prevede azioni sperimentali per l’attivazione dei giovani nella definizione del loro percorso formativo e professionale.

Il progetto parte dalla consapevolezza che i giovani possiedono generosità e creatività, spesso difficili da integrare nei contesti sociolavorativi sia tradizionali che nuovi. L’obiettivo è quello di creare percorsi che rispecchino le sensibilità e i desideri dei giovani, per renderli co-protagonisti in nuovi processi socio-lavorativi.

I partner invitano quindi all’evento di lancio che si tiene venerdì 21 giugno dalle ore 17 alle 22 presso Generalab, via Lussino 23 in zona borgo Roma. L’evento è rivolto principalmente a giovani disoccupati, inattivi o minori in dispersione, e anche ad altri giovani non inseriti in situazioni di marginalità che possono svolgere il ruolo di attivatori con i coetanei. Sono poi invitate a partecipare anche le istituzioni, oltre ai soggetti e associazioni del mondo adulto interessati alle attività del progetto.

Quella di venerdì sarà l’occasione per conoscere un mondo (quello giovanile) che spesso viene considerato come sconosciuto o letto attraverso stereotipi. Il progetto vuole ri-costruire una connessione tra giovani e lavoro, per far decollare un nuovo ecosistema locale di relazioni socioeconomiche a disposizione di tutti.

Nel corso dell’evento saranno presentate le attività dei partner (workshop, laboratori, servizi di orientamento) previste dal progetto, ci saranno quindi tavoli artistici, DJ set, Open Mic, free dance floor e un buffet offerto.

Agnese Bonetti
Credo che ognuno di noi dovrebbe muoversi attivamente per creare il mondo a cui aspira, facendo un passo dopo l'altro. Questo desiderio per me si è concretizzato con la possibilità di dare nuova vita alla Biblioteca di Sona, facendone un luogo di contaminazione e arricchimento culturale, creando uno spazio di aggregazione per i giovani. Da qualche mese ho anche la fantastica opportunità di lavorare come libera professionista nell’ambito della comunicazione e della grafica, collaborando con realtà come Lino's & Co., 311 Verona e, ovviamente, Il Baco. Sono una sangiorgiana, nata il 13 ottobre 1992.