Il libro: “Una vita come tante” di Hanya Yanagihara. Essere amici significa prima di tutto fidarsi

La Recensione

Affrontare la lettura di un romanzo di circa mille pagine può spaventare. In effetti non è una passeggiata leggere questo libro ma la ragione non risiede nella mole. Il fatto è che, una volta conosciuti i quattro protagonisti, ci si immedesima così tanto nelle loro storie travagliate che risulta impossibile smettere di leggere.

Quando mancano poche pagine all’epilogo, infatti, si rallenta per centellinare paragrafi e frasi perché si vorrebbe che la storia di  Jude, JB, Malcom e Willem non finisse mai.

A New York i quattro ragazzi, amici tra loro ed ex compagni di college, sperano di realizzare i loro sogni: diventare un avvocato, un attore, un artista famoso, un architetto richiesto da tutti. Sono molto diversi, non solo per ambizioni, e questo lo si vede soprattutto nel modo di intendere l’amicizia e di relazionarsi col più riservato di loro, Jude.

Il suo passato terribile si svelerà a poco a poco e sarà l’occasione per dimostrare quanto l’amicizia sia salvifica,un balsamo per le ferite dell’anima, un appiglio a cui aggrapparsi quando si sta per cadere, un motivo per guardare avanti e tentare ancora.

“Una vita come tante” racconta quanto sia bello avere avere accanto una persona che ci accetta per quello che siamo, senza fare troppe domande, senza pretendere di cambiarci. Un rapporto così è raro e fragilissimo, ma viverlo porta una vita ordinaria, “come tante”, a divenire straordinaria.

Il libro di Hanya Yanagihara, vincitore di molti premi, è intriso di dolore e di sofferenza, ma è anche un romanzo colmo di amore, spingendo a riflettere di continuo. Jude non vuole essere amato, ha paura dei legami e delle complicazioni che derivano da essi, eppure non riesce a sfuggire ai sentimenti intensi di chi  lo circonda, finendo per amare a sua volta e soffrire, lottare e tentare di aggrapparsi alla vita, cercando di mettere fine ai fantasmi del passato, cercando di fidarsi nonostante sia rischioso, perché decidere di lasciarsi ad andare e poi perdere la fiducia negli altri è quanto di più tremendo possa accadere nella vita e costringe ad una estrema solitudine.

“Una vita come tante” è un viaggio lunghissimo e doloroso, a tratti sconvolgente, ma è un cammino narrativo straordinario e di forte impatto emotivo, che nonostante tutto e tutti dimostra come la vita abbia un senso anche quando sembra impossibile trovarlo e che tutti meritano di essere amati e non possono fare a meno di amare.

“L’unico segreto dell’amicizia, credo, è trovare persone migliori di te – non più furbe o più vincenti, ma più gentili, più generose, e più comprensive -, apprezzarle per ciò che possono insegnarti, cercare di ascoltarle quando ti dicono qualcosa su di te, bella o brutta che sia, e fidarti di loro, che è la parte più difficile di tutte. Ma anche la più importante.”

La Scheda

“Una vita come tante” di Hanya Yanagihara, Sellerio, 2015, pp. 1104.