Il francobollo per Mondaini e Vianello porta la firma veronese di Prosdocimi

Dopo la pausa forzata causata dalla pandemia, la filatelia piano piano (si) riprende. Negli ultimi mesi sono usciti diversi francobolli dedicati a tematiche degne di nota, più o meno apprezzati dal pubblico: Fila, Divella, Campari tra le aziende; De Filippo, Ungaretti, Sordi tra le personalità, per citarne alcuni.

Nel decimo anniversario della loro scomparsa – con un esemplare di tariffa base appartenente alla serie “Le eccellenze italiane dello spettacolo” – il 21 settembre ha visto protagonisti Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, celebre e inseparabile coppia del panorama comico nostrano, che vive nel cuore degli spettatori.

Una emissione che ci riguarda anche come veronesi: il bozzetto infatti è di Bruno Prosdocimi.

Non è la prima volta che all’artista viene chiesto di esprimersi facendosi bastare i pochi centimetri di un francobollo: nel 2018 ha curato la tematica del Natale grafico/laico, che ha campeggiato su buste e cartoline di molti corrispondenti verso l’Europa anche ben dopo le Festività.

“Inattesa, come un dono” ha definito la commissione ricevuta da Poste Italiane. Lunedì 21 settembre, fuori dallo Spazio Filatelia di Via Teatro Filarmonico, in forma smagliante e con il consueto cipiglio sornione, si è intrattenuto con gli ammiratori – che hanno osservato attentamente il distanziamento sociale, nonostante l’entusiasmo – per gli autografi e con la stampa per gli aneddoti sul mondo della illustrazione, nel quale si muove con talento e dimestichezza da sempre, e sui personaggi che ha reso immortali attraverso le sue caricature.

Il francobollo dedicato a Sandra e Raimondo. Sopra, Prosdocimi lo presenta alla stampa.

“Ho raffigurato Sandra vicino al suo alter ego Sbirulino, Raimondo con la divisa dell’amata Inter. Ho avuto l’onore di conoscere personalmente entrambi, in particolare lei, cordiale e accattivante. Avevamo un rapporto privilegiato, in me rivedeva il padre Giacinto “Giaci” Mondaini, umorista e disegnatore”, ricorda con tenerezza.

Sandra e Raimondo sono parte della storia dell’intrattenimento televisivo italiano e quindi della nostra cultura: legati tra loro da sempre e fautori in modo unico e speciale di una comicità declinabile solo al passato, fine e gentile, mai volgare, che voleva entrare – amavano dire – nelle case degli spettatori con garbo, “senza suonare il campanello”. E sapevano per questo farsi ricordare.

Una curiosità: tra le tante cose, Prosdocimi è stato ospite fisso come caricaturista della trasmissione di Telearena “Palla lunga e pedalare”, in cui si dialogava del calcio nostrano in un clima informale e conviviale. Il conduttore era Raffaele Tomelleri, giornalista sportivo ed ex Sindaco di Sona.