Il Custoza di Poggio delle Grazie segnalato tra i “vini da non perdere” nell’edizione 2020 di “Vinibuoni d’Italia”

Vinibuoni d’Italia è una guida che attraverso un vastissimo catalogo di vini comunica e valorizza l’inimitabile varietà e ricchezza del patrimonio vitivinicolo e gastronomico italiano. L’assaggio meditato e attento dei vini è un piccolo spunto di definizione dell’identità di un territorio, della cultura aziendale e del valore delle sue risorse.

All’interno del catalogo è presente anche l’azienda Poggio delle Grazie dei fratelli Massimo e Stefano Brutti di Lugagnano con il Custoza Doc 2018 “per la sua piacevolezza, la corrispondenza al vitigno ed equilibrio“.

Non si tratta, tuttavia, della prima volta in cui un vino di Poggio delle Grazie viene citato all’interno di una rivista tecnica e prestigiosa del settore. Tra le etichette presenti all’interno di “Slowine”, la nuova guida ai 100 migliori vini rosa d’Italia, è stato citato anche il loro Bardolino Chiaretto: “Il Chiaretto veste una bella nuance rosa chiara da cui si sprigionano sentori di peonia e di pesca bianca, – leggiamo nella guida – insieme a una spolverata di pepe rosa, la speziatura tipica dell’uva corvina”. 

Il chiaretto di Poggio delle Grazie.

Poggio delle Grazie è stata recentemente citata anche dalla rivista Decanter, prestigiosa testata editoriale specializzata su vino e lifestyle fondata a Londra e oggi distribuita in circa 90 Paesi in tutto il mondo a scadenza mensile.

Nel numero di maggio 2019 c’è una sezione nominata Best of Bardolino: Morri’s top dozen, in cui è presente il Bardolino Chiaretto 2018 di Poggio delle Grazie. “Think grapefruit and rose petal carried by a subtle leesiness”, leggiamo in Decanter, ovvero: [Il Chiaretto] “richiama il pompelmo e il petalo di rosa trasportati da una delicata leggerezza”.

Il mercato e la cultura del vino in Italia sono elementi che possiedono un valore altissimo e prezioso: il patrimonio dei vitigni autoctoni è unico al mondo e rappresenta il motore di sviluppo turistico a livello territoriale.

Presso la cantina Poggio delle Grazie (clicca qui per ottenere le indicazioni) si trova il punto vendita dove è possibile degustare ed acquistare i vini. Si organizzano, inoltre, degustazioni guidate con la possibilità di ampliare l’offerta ad un pubblico sempre più interessato ad avvicinarsi al mondo del vino.

Gianmaria Busatta

About Gianmaria Busatta

Nato nel 1994 e residente a Lugagnano, ha conseguito la maturità presso il liceo classico Don Mazza (VR), è laureato in Economia e commercio ed in Banca e Finanza presso l'Università degli studi di Verona, lavora presso la società di revisione Deloitte & Touche. Grande interesse per eventi culturali e politici, ha come passione più forte il cinema. Ha frequentato il corso Tandem "Cinema e letteratura" presso l'Università di Verona e diversi seminari sulla cinematografia presso la Biblioteca Civica di Verona.

Related posts