Il Consigliere Moletta: “Troppi eccessi di velocità, vanno monitorate le strade di Sona”

Lo scorso primo agosto il Consigliere comunale della Lista Tosi per Sona Maurizio Moletta ha inviato una comunicazione al Sindaco, al Presidente del Consiglio Comunale e al Comandante della Polizia Locale per sollecitare una maggiore attenzione dell’Amministrazione su un tema sempre di grande attualità: le strade del nostro Comune.

La sicurezza per tutti i cittadini – scrive Molettaè una prerogativa di tutti e dovrebbe appartenere a tutte le Istituzioni, ma molti cittadini quando sentono nominare questo aggettivo lo associano ad atti che si dovrebbero fare per eliminare la delinquenza o comunque mettere in atto qualche cosa che ne limitano la loro realizzazione”.

Il Consigliere Moletta
Il Consigliere Comunale Maurizio Moletta

“Il termine sicurezza può avere vari significati – prosegue il Consigliere comunale nella sua comunicazione – ma quello che a me interessa in questo frangente è l’eliminazione parziale o totale di danni o pericoli o rischi che tutti noi possiamo incorrere tutti i giorni frequentando le nostre strade. Non mi soffermo sullo stato di queste, ma invece voglio richiamare la vostra attenzione sul traffico che queste hanno e i limiti di velocità”.

“Senza dilungarmi troppo, ritengo che sia opportuno fare una ricognizione di tutte le strade del nostro territorio, il top – indica l’esponente della Lista Tosi per Sona – sarebbe quello di fare proprio un’analisi dettagliata che va dallo stato del manto stradale, all’illuminazione, ai sotto servizi che passano, al traffico, al luogo dove è posta, ma questo competerebbe un tempo lunghissimo e un impegno di forze umane non di poco, se fatta tout a court, ma se ben programmata e danno delle priorità si può benissimo attuare e daremo un po’ di più sicurezza a tutti”.

Come scrivevamo sopra, l’argomento è sicuramente di grande interesse collettivo e sempre purtroppo attuale.

“Peccato – ci spiega il Consigliere Comunale Moletta – che ad oggi la mia segnalazione sia caduta nel silenzio assoluto e nessuno dal Comune si sia preoccupato di darmi una risposta, qualsiasi essa sia”.

.