Il Comune approva il progetto della nuova scuola materna a Lugagnano

La Giunta del Comune di Sona lo scorso 27 febbraio ha approvato il progetto preliminare per la realizzazione di una nuova scuola materna a Lugagnano. Il progetto è stato realizzato dall’Architetto Fabio Dal Barco, dipendente del Comune.

Nella delibera di approvazione del progetto gli Amministratori di Sona scrivono che il Presidente del Consiglio dei Ministri, Dott. Matteo Renzi, ha comunicato a tutti i Comuni l’iniziativa #scuolenuove con l’intento di favorire la ristrutturazione e la nuova edificazione di insediamenti scolastici” e che “questa Amministrazione intende sostituire la vecchia struttura che accoglie la scuola materna ed elementare ‘Silvio Pellico’ con una di nuova concezione che sarà ubicata nell’attuale ambito scolastico di Lugagnano, vicino all’asilo nido ‘Arcobaleno’ ed alla scuola media ‘Anna Frank’, in modo da completare il polo scolastico della frazione”.

“La struttura esistente – proseguono infatti Sindaco ed Assessori – è stata oggetto lo scorso anno di fenomeni di assestamento strutturale che hanno provocato il distacco di intonaco dai soffitti con sospensione dell’attività scolastica, accertamenti da parte delle autorità competenti e gravosi costi di ripristino”, inoltre quella struttura “abbisogna certamente di interventi radicali delicati ed antieconomici; inoltre è ubicata in una zona centrale del nucleo abitato di Lugagnano che presenta rilevanti criticità viabilistiche”.

L’idea è quindi quella di dismettere la vecchia “Pellico”, a favore della realizzazione di un nuovo polo scolastico che raggruppi tutti gli edifici scolastici dove ora sorge la scuola media (nella foto sopra l’area interessata).

Visto però l’ingente impegno economico, il nuovo polo scolastico “verrà realizzato per successivi stralci funzionali nel corso degli anni, secondo le disponibilità economiche”. Primo stralcio sarà appunto la realizzazione della nuova materna.

La spesa prevista è di due milioni e 850mila euro, dei quali duemilioni dovrebbero essere finanziati dalla Regione Veneto ed i restanti 850mila arriveranno da fondi del Comune.

Articolo precedenteLa recensione del Baco: “Shantaram”, di David Gregory Roberts
Articolo successivoSabato ultima serata per Buonanotte Sognatori a Sona
Nato nel 1994 e residente a Lugagnano, scrive per il Baco dal 2013. Con l'impronta del liceo classico e due lauree in economia, ora lavora con numeri e bilanci presso una società di revisione. Nel (poco) tempo libero segue con passione la politica e la finanza e non manca al suo inderogabile appuntamento con i nuovi film al cinema (almeno) due volte a settimana. E' giornalista pubblicista iscritto all'ordine dei giornalisti del Veneto.