Il centrodestra si presenta a Lugagnano: “Pronti a governare ancora Sona”

Giovedì 27 marzo presso l’Hotel Antico Termine di Lugagnano la Lista Lega Nord/Liga Veneta – Polo della Libertà ha organizzato un incontro pubblico per presentare la Lista “dei Candidati del Centro Destra” alle elezioni Comunali del prossimo 13 e 14 aprile. Ha fatto gli onori di casa Pesce, responsabile per Sona di Forza Italia, e successivamente il responsabile della Lega Chiarel.

Dopo la presentazione nominativa dei venti candidati ha preso la parola il Candidato Vice-Sindaco Di Stefano che ha illustrato a grandi linee un programma di sei pagine (che sarà inviato a tutte le famiglie del Comune di Sona), elaborato per il prossimo quinquennio amministrativo. Ha iniziato dicendo che il discorso sarebbe stato facile (e breve) perché tutti loro, candidati, si sarebbero recati nelle prossime settimane nelle frazioni per capire veramente cosa serve alla nostra Comunità.

In effetti però la proposta si è molto dilungata: “per le cose fatte “le leggerete sul programma” – così ha spiegato – per quelle da fare, cinque capitoli forti: Sicurezza – Sostegno alla Famiglia – Scuola – Solidarietà – Servizi alla Persona. Durante l’illustrazione, c’è stato un intermezzo ad effetto: è sta fatta alzare in piedi un’artigiana del calzaturiero, abitante a Palazzolo, Rita Rizzi, “esempio vivente di come vengano vessati i piccoli imprenditori”. Ha concluso il suo intervento con la famosa frase di Kennedy sulla necessità che siano i cittadini a dare piuttosto che chiedere.

Gualtiero Mazzi (nella foto) ha fatto brevemente seguito, elogiando il suo prossimo Vice per il quadro fornito sulla nostra Comunità “quasi tu fossi nato e sempre vissuto nel nostro Comune” e confermando che il suo programma è “snello, con linee chiare e temi imprescindibili, presenti nel nostro DNA”. Il serata è proseguita con gli interventi soprattutto su temi politici nazionali della Sig.ra Gardini, parlamentare, della Sig.ra Martini Assessore regionale, di Pastorello, vice Sindaco di Verona e di Corsi, Assessore della stessa Giunta. Ha concluso la serata l’on Brancher che, giunto verso le 23, in un aula gremita, è stato accolto da un caloroso applauso, peraltro sollecitato.

Si è trattato, come è stato confermato anche dagli organizzatori, di un incontro di natura politica piuttosto che amministrativa. E’ stato annunciato peraltro che alcuni incontri su temi locali sono già stati programmati sul territorio per le prossime settimane.

Ha destato sorpresa e sconcerto la non presenza “di un convitato di pietra” il Sindaco uscente Flavio Bonometti, mai nominato. Se si pensa che quattro “suoi” Assessori ancora in carica e altri due Consiglieri sono presenti nella Lista di Gualtiero Mazzi non si è capito cosa possa significare una delle frasi maggiormente pronunciate dagli oratori: “se voterete Mazzi e Di Stefano ci saranno grossi cambiamenti a Sona”.