Il Carnevale dura 365 giorni

Lugagnano 18 Maggio, Parco Giochi. Nella pista di pattinaggio si radunano a poco a poco i circa 200 convenuti da tutte le parti della provincia di Verona (e non solo) per la tradizionale cena del Coordinamento Comitati Carnevaleschi della Provincia. La sede del Coordinamento, dal momento della sua fondazione è a Lugagnano e il nostro Comitato Carnevale organizza sia la cena di fine (se mai la parola fine possa essere messa) dell’anno carnevalesco sia l’altro momento importante per il Coordinamento: la “castagnada” di Novembre sotto la Scuola dell’infanzia, per dare il via al periodo del carnevale.

Eliseo Merzari è stato presidente del Coordinamento per circa molti anni e da qualche tempo ha lasciato l’incarico a Zaninelli Loretta. “L’occasione della cena con i sparasi” racconta Eliseo “ha la scopo di premiare i carri che si sono evidenziati durante le sfilate della Provincia, anche se il momento conviviale e di allegria rimane un asse fondamentale per la buona riuscita di tutto quello che facciamo. Vorrei ricordare anche la sfilata di Lugagnano” prosegue Eliseo “che con le quasi 4800 maschere è la più grande sfilata del triveneto! Queste cose non si fanno se non c’è un mix di professionalità, volontà, capacità e coesione. Grazie a tutti veramente.”


Ma il Carnevale oltre ad essere un momento di festa domenicale sta anche entrando nelle scuole. “Quest’anno” conferma la Presidentessa Zaninelli “il grosso risultato del Coordinamento è stato quello di far entrare il Carnevale nelle scuole per far in modo che storia, tradizione e attività manuali si fondano assieme. I ragazzi sono presissimi dalle storie che stanno dietro ai carri; storie che magari saranno anche romanzate ma che permettono ai nostri bimbi di riscoprire il concetto di tradizione e di paese, ormai in fase paurosa di declino, e di creare qualcosa con le loro mani”.


50 litri di vino, circa 30 chili di riso (coi sparasi), 500 voulevan (al ripieno di sparasi) e 500 uova (con i sparasi) hanno creato la degna e gustosa cornice per la premiazione dei 15 carri iscritti che, oltre ad essere di qualità, dovevano presenziare il più possibile le sfilate provinciali.

E così al carro vincitore (“Jolly Jocker” del paese di Perzacco) sono andati 500 Euro di premio, ma è stato combattimento sul filo di lana con gli altri carri: “ali della musica” di Pozzomoretto (2°), “il re delle tenebre” di Vallese (3°), “l’era glaciale” dell’Alpo (4°) e “il sole che ride” di Rosegaferro (5°) fino al quindicesimo. Tutti hanno ricevuto premio in denaro di almeno 100 Euro.

Sul finire c’è un invito per tutti al 22-24 Settembre, momento in cui il corpo della banda della polizia della Germania assieme al Coro di Weiler (che ha vinto il primo premio dei cori di tutta la Germania) verranno a Lugagnano per una serata di canti e musica di alta qualità. “Vorrei ricordare” conclude Eliseo “che faremo una tappa anche a Bardolino assieme a loro perché il paese ha una fortissima tradizione di cori e di solisti e poi il Lago è particolarmente amato dai nostri amici della Germania. Di nuovo, un grazie anche a chi ha contribuito alla cena per il SOS dove abbiamo raccolto più di 2000 Euro. Grazie a tutti!”


È un orgoglio particolare sapere che il nostro paese è capace di tanta eccellenza. Forse, veramente, l’ingrediente magico è l’allegria. Viva il Carnevale!  Chi vuole essere sempre informato sulle attività del nostro carnevale e del Coordinamento, visiti i siti http://www.carnevale-lotzigano.it e www.carnevaleveronese.org